La decisione del presidente

Futsal Barletta, Pedico tuona: "Arrabbiato per lunga squalifica, prendo pausa di riflessione"

"Le mie proteste sono nate a seguito di atteggiamenti discutibili"

Calcio a 5
Barletta sabato 04 settembre 2021
di La Redazione
Ruggiero Pedico
Ruggiero Pedico © Futsal Barletta

A poche settimane dall'avvio della nuova stagione agonistica, in casa Futsal Barletta fanno rumore le parole del presidente Ruggiero Pedico, dalle quali trapela tutta la sua delusione per la lunga squalifica rimediata nella Semifinale Playoff contro l'Aradeo. 

Queste le sue parole: "Sono un uomo che ama lo sport e che ha sempre sostenuto ed investito nel mondo del pallone, ma non posso accettare il modo in cui sono stato trattato negli ultimi mesi. So di aver esagerato con le proteste in occasione della gara con l'Aradeo ed ero pronto ad assumermi le mie responsabilità, ma una squalifica di oltre quattro mesi la ritengo inaccettabile ed eccessiva. In particolare ci tengo a precisare che le mie proteste sono nate a seguito di atteggiamenti discutibili di uno dei direttori di gara, che mi ha letteralmente deriso e mancato di rispetto in più occasioni durante il match. Non posso permettere a nessuno di porsi in questo modo nei miei confronti". 


"Inoltre sono arrabbiato perché nel referto arbitrale sono state riportate frasi ed ingiurie da me mai pronunciate e questa rabbia cresce per il mancato accoglimento del ricorso presentato subito dopo. Se il modus operandi di chi deve prendere decisioni è questo, preferisco prendermi una pausa di riflessione e smettere di investire tempo, soldi ed energie in questa disciplina". 

"Dentro di me rimaranno indelebili i bellissimi momenti vissuti con il Futsal Barletta -conclude Pedico- in particolare il grandioso percorso disputato nella Final Eight di Augusta del 2017 culminato con il riconoscimento del titolo di vice-campioni d'Italia. Ed è proprio per questo che, pur rinunciando alla carica di presidente, continuerò a tifare e sostenere il club biancorosso sperando che possa tornare presto sui palcoscenici nazionali che gli competono".

Lascia il tuo commento
commenti