Campionati di Tennistavolo

Tennistavolo, prima caduta dell'ASI Barletta in C1

Sul "campo minato" della società amica Circolo Tennistavolo Molfetta

Altri Sport
Barletta sabato 16 ottobre 2021
di Cosimo Sguera
Tennistavolo, ASI Barletta 1981
Tennistavolo, ASI Barletta 1981 © ASI Barletta 1981

Sabato 9 e domenica 10 ottobre scorsi è andato in scena il "primo atto" dell'attività agonistica a squadre 2021 - 22 (sia a livello nazionale che regionale) sotto l'egida della Federazione Italiana Tennistavolo.

Nella corrente stagione, la quarantesima consecutiva per il sodalizio pongistico barlettano, la Polisportiva Dilettantistica ASI 1981 si è presentata ai nastri di partenza con tre compagini che, nello specifico, prenderanno parte alla Serie Nazionale B Veterani, alla Serie Regionale D2 ed alla  C1 Nazionale.
Proprio in quest'ultimo Campionato d'inequivocabile prestigio il team targato ASI Barletta 1981 ha esordito nello scorso week - end. 
Sul "campo minato" della società amica Circolo Tennistavolo Molfetta (uno dei clubs piu' anziani e piu' titolati del panorama pongistico nazionale),dopo ben 3 ore di gioco, il team barlettano si è arreso alla formazione ospitante con lo score di 1 a 5. In un clima di desueta ospitalita', clima reso tale dall'encomiabile garbo dei gentlemen Leonardo Scardigno e Nicola Boffoli, la formazione barlettana (che non godeva,nel modo piu' assoluto, dei favori del pronostico) ha impegnato non poco la compagine molfettese, caricando di contenuti tecnici un match che alla vigilia sembrava non concedere chance alcuna alla squadra barlettana. Il risultato finale del confronto, sia chiaro, giamnai e' stato messo in discussione dalla sia pure orgogliosa performance degli ospiti ma ci sono stati momenti del match in cui l'ASI Barletta ha dimostrato di avere le carte in regola per gareggiare in una Serie Nazionale di cotanto prestigio.
 
Il punto della bandiera e' stato realizzato dal presidente al termine di un confronto combattuto con la valentissima Viviana Racanati (n.200 del Ranking Nazionale FITET).Degna di particolare menzione la prestazione offerta da Giacomo Dicataldo (ancora in condizione non ottimale dopo uno stop durato ben 5 mesi ).Avvincente pure l'incontro perso da Igor Bassi (atleta lombardo in forza al club barlettano)con la gia' menzionata Viviana Racanati al quinto set ai vantaggi. 
Plauso ai vincitori, onore ai vinti.
 
Con presupposti siffatti, la compagine targata ASI Barletta 1981, per il rinvigorimento della quale la dirigenza non esclude un adeguato rinforzo, non e' assolutamente intenzionata ad indossare i panni della "vittima sacrificale".Ogni confronto verra' disputato con assoluta determinazione, con inesauribile  umilta' e con la consapevolezza delle proprie qualita'. I sentieri tortuosi sono quelli piu' difficili da percorrere ma, senza ombra di dubbio, quelli piu' fascinosi.
La scelta societaria del nuovo slogan USQUE AD FINEM ET ULTRA non e' stata casuale.
L'avventura n. 40 dell'ASI Barletta 1981 ha in serbo tante emozioni.
 
 
 
 
Cosimo Sguera
Lascia il tuo commento
commenti