La riflessione di un lettore

Giornata mondiale della Felicità: difficile oggi ma dare gioia agli altri aiuta

I giapponesi lo chiamano Ikigai (生き甲斐) che tradotto in italiano, significa “qualcosa per cui vivere”

Whatsapp
Barletta venerdì 20 marzo 2020
di La Redazione
Giornata della Felicità
Giornata della Felicità © nc

20 MARZO 2020 GIORNATA MONDIALE DELLA FELICITA’

La felicità, un diritto a cui tutti ci aggrappiamo perché tutti aneliamo alla felicità! Ma andiamo per grado. Oggi tutti si fermeranno a pensare a lanciare slogan sulla felicità. Certo in queste settimane stiamo parlando di Coronavirus, di decessi, di malati, di contagio. E’ davvero difficile pensare alla felicità quando in queste settimane, l’ansia e la paura hanno il posto fisso nella nostre vite. Forse dobbiamo comprendere realmente che cos’è la felicità, la vera felicità. Generalmente associamo la felicità a dei momenti, a delle situazioni, a degli eventi che nella nostra vita ci rendono felici. Ma in realtà questo modo di pensare ci fa solo sopravvivere alle giornate che trascorrono, al tempo che passa.

La vera felicità è uno “stato d’animo”, che indipendentemente dalle situazioni che viviamo o affrontiamo ci fa restare sereni e in pace con noi stessi. Qualcuno ha detto “La vita è un banchetto, e la maggior parte di noi poveri sciocchi muore di fame”. Sono d’accordo, molti corrono dietro al tempo che sfugge è non assaporano le occasioni che una giornata ti offre. Riflettiamo sul senso della vita quando c’è un evento che ci turba, ci preoccupa e a volte ci addolora. Non è sufficiente! Non basta aver vissuto una giornata per dire di essere felici. Dovremmo determinare di voler vivere per qualcosa. Mi permetto di suggerire che questo qualcosa potrebbe essere creare gioia per gli altri, condividendo ciò che abbiamo per il miglioramento del mondo, portando la speranza a chi si sente perso. Solo allora saremo in grado di scoprire, sviluppare e attualizzare la nostra unicità che ci porta alla felicità, quel benessere interiore che ti fa stare bene. I giapponesi lo chiamano Ikigai (生き甲斐) che tradotto in italiano, significa “qualcosa per cui vivere” o “una ragione per esistere” (l’equivalente del francese “raison d’être“). Un ikigai è essenzialmente un motivo per alzarsi la mattina.

Ovviamente si tratta di qualcosa di positivo, che ci fa svegliare con il sorriso sulle labbra, la carica e l’entusiasmo giusto per affrontare la giornata. Non essendo limitata a un benessere momentaneo, la felicità è più simile a un viaggio che a una destinazione o a un obiettivo. Dire “sarò felice quando...” significa perciò rimandare la felicità. La felicità si potrebbe paragonare alla salute. Come facciamo a stare bene fisicamente? Con una dieta equilibrata, un regolare esercizio fisico e uno stile di vita sano. Allo stesso modo la felicità si ottiene facendo buone scelte nella vita e seguendo princìpi validi. Quali sono alcuni fattori che contribuiscono alla felicità? Ce ne sono diversi, alcuni più importanti di altri, ma i seguenti lo sono in modo particolare: sapersi accontentare ed essere generosi, avere una buona salute ed essere resilienti, l’amore, saper perdonare, avere uno scopo nella vita, la speranza.

Un libro molto autorevole che contiene consigli saggi afferma: “Felici quelli che sono irreprensibili nella loro via”. E’ proprio vero, il risultato dell’onestà è la felicità! Abbiamo paura di vivere la vita, e perciò non facciamo esperienze, non vediamo. Non sentiamo. Non rischiamo! Non prendiamo a cuore nulla! Non viviamo... perché la vita significa essere coinvolti attivamente. Vivere significa sporcarci le mani. Vivere significa buttarci con coraggio. Vivere significa cadere e sbattere il muso. Non sprecate il vostro tempo prezioso chiedendovi 'Perché questo mondo non è un posto migliore?'. Sarebbe solo tempo sprecato. La domanda che dovete porvi è 'Come posso rendere migliore questo mondo?'. A quella vi è una risposta. Potete scegliere la gioia anziché la disperazione. Potete scegliere la felicità anziché le lacrime. Potete scegliere l'azione anziché l'apatia. Potete scegliere il progresso anziché la stagnazione. Potete scegliere voi. Potete scegliere la vita. Solo quando siete voi a scegliere cosa essere, solo allora sarete veramente FELICI!"


di Savino Sarno

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Italiano Rosaria ha scritto il 21 marzo 2020 alle 12:55 :

    Straordinario, semplicemente straordinario, bello, limpido , pulito ,gentile ETICO, LEGGERO, ACCOMODANTE, GIOIOSO....🤩💞 Rispondi a Italiano Rosaria