La segnalazione di un lettore

Bandi comunali solo online, difficoltà per tanti cittadini: la segnalazione

"Non tutti gli aventi diritto saranno in grado di partecipare ai bandi"

Whatsapp
Barletta mercoledì 22 dicembre 2021
di La Redazione
Servizi digitali comunali
Servizi digitali comunali © n.c.

La digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione rappresenta senza dubbio un'innovazione positiva e necessaria nell'ottica della semplificazione e dello snellimento burocratico, ma rischia di diventare una limitazione se è l'unica via di accesso all'esercizio dei propri diritti per chi non ha molta dimestichezza con la tecnologia, come gli anziani. Lo evidenzia un lettore attraverso esempi concreti, in una nota inviata alla nostra Redazione:

"Sono un impiegato presso un CAF di Barletta, vorrei segnalare la criticità che si è creata con gli ultimi tre bandi rivolti ai cittadini del Comune.

Parliamo dei bandi per la nuova graduatoria relativa gli alloggi popolari, per  il trasporto pubblico gratuito per i cittadini anziani e per l'assegno familiari ai nuclei con almeno tre figli minori.
Si può tranquillamente affermare che non tutti gli aventi diritto saranno in grado di partecipare ai bandi.
Immaginate un cittadino di 80 anni costretto a recarsi in posta ( gli altri fornitori di spid lo rilasciano quasi esclusivamente digitalmente), a dover creare un indirizzo email e ad avere uno smartphone per poter utilizzare l'identità digitale. Senza contare che dal primo novembre anche negli uffici postali lo spid è a pagamento. 
Si può tranquillamente immaginare che non saranno solo gli anziani a subire questo disagio. Chi lavora a contatto con il pubblico ( tra questi gli uffici comunali) sa benissimo quanto molti cittadini non siano a proprio agio con le nuove tecnologie.
La cosa peggiore poi è che non è nemmeno possibile presentare le domande per i suddetti bandi con CIE o CNS. Nonostante sia per la nuova carta di identità che per la tessera sanitaria ci sia la possibilità di richiedere il codice pin e con lettori di carte si può continuare a fornire il servizio ai cittadini.
Paradossale poi è il fatto che nonostante la piattaforma rimandi ad un sito regionale non viene data la possibilità a noi operatori di poter fare da tramite tra i cittadini e l'amministrazione, come accade per altri bandi regionali.
Sicuramente questa segnalazione non sortirà l'effetto sperato, visto che ad una precisa richiesta di chiarimento inviata all'email indicata dal Comune si attende ancora risposta".
 
Lascia il tuo commento
commenti