La riflessione di un lettore

Amministrative, "a Barletta la politica delle accuse e dei silenzi: ma quale futuro?"

"Cerchiamo di mandare al timone di questa città delle persone valide, competenti, oneste, con un programma definito"

Whatsapp
Barletta domenica 05 dicembre 2021
di La Redazione
Elezioni comunali
Elezioni comunali © Livenetwork

Cari cittadini, chi scrive non ha importanza perché mi ritengo un cittadino come tutti quanti NOI e pertanto vorrei esprimere qualche mia considerazione circa lo stato politico in cui versa la città di Barletta.

Oramai da qualche mese la città è commissariata per la prematura fine dell’Amministrazione Cannito. Le cause di tale debacle vengono individuate in una mozione di sfiducia firmata da diversi consiglieri comunali che, ad un certo punto, non hanno più appoggiato il Sindaco nelle sue scelte.

Ma da allora cosa è accaduto? Orbene si può notare un certo fermento tra le varie correnti politiche che stanno cercando il proprio spazio elettorale. Ma siamo sicuri che sia proprio così?

Personalmente sto assistendo semplicemente a lanci di accuse reciproche e non un solo soggetto che invece parli di programma e di cosa intende fare per la città.

Si parla solo di numeri, di liste da riempire di alleanze da fare e dove conviene collocarsi.

Sinceramente, cari cittadini, mi viene un certo senso di sconforto nel vedere che gli stessi personaggi politici che hanno affossato la nostra amata Barletta, si stanno muovendo affinchè possano addivenire al loro risultato meramente numerico per avere una sedia in consiglio comunale.

Questo modo di fare politica vorrei davvero che fosse soltanto un incubo, ma l’incubo ce lo fanno vivere per davvero questi personaggi che nulla hanno a che fare con la vera politica e che senza ritegno ed un briciolo dignità venderebbero l’anima al diavolo pur di tornare lì dove erano qualche mese fa ma con un sindaco diverso.

Invito tutti noi cittadini, vero cuore pulsante di questa città, a riflettere su chi andremo a votare alle prossime amministrative. Che sia di destra o di sinistra o di centro cerchiamo di mandare al timone di questa città delle persone valide, competenti, oneste, con un programma definito di cosa intendono fare e possibilmente non riciclate dalla vecchia politica.

La tanto agognata “pulizia” che in tanti reclamano nella politica non la faranno mai i politici, ma parte dal voto, quello libero e quello responsabile. Facciamo partire la pulizia da NOI, facciamola partire dalle prossime elezioni.

Infine un appello ai vecchi politicanti, fatevi un esame di coscienza, semmai la avete, e fatevi da parte. Consentite alla città di ripartire e di farlo con gente competente.

 

UN CITTADINO CHE AMA BARLETTA

 

Lascia il tuo commento
commenti