La nota congiunta dei consiglieri comunali

Futuro dell'amministrazione Cannito, Damato e Marzocca: "Aprire un confronto serio"

"Per trarre un bilancio dei risultati ottenuti a fronte degli impegni assunti con la cittadinanza, e programmare una ripartenza su basi rinnovate"

Politica
Barletta domenica 28 giugno 2020
di La Redazione
I consiglieri Damato e Marzocca
I consiglieri Damato e Marzocca © nc

Le liste di Iniziativa Democratica e Barletta Attiva intervengono sulle vicende che hanno caratterizzato la vita dell’Amministrazione Comunale di Barletta negli ultimi giorni, che hanno prodotto riverberi che probabilmente possono non avere una rilevanza giudiziaria, ma che tuttavia ripropongono occasioni di imbarazzo, rendendo più urgente il tema di un chiarimento politico nei confronti della cittadinanza.

"L’episodio che ha trovato spazio nella cronaca cittadina ha posto anche un tema etico che rappresenta in tutti i contesti democratici un pre-requisito della responsabilità politica, quello dell’assenza di potenziali conflitti d’interessi, ma che non è la causa efficiente che provoca l’urgenza del chiarimento nell’ambito della maggioranza di governo: esistono anche altre ragioni, tra cui, sempre facendo riferimento al criterio del necessario ripristino di una regola comportamentale condivisa, anche la posizione di componenti dell'Amministrazione che si apprestano a svolgere una campagna elettorale regionale avvantaggiandosi della posizione di privilegio che il ruolo di governo cittadino comporta.

Crediamo, dunque - dichiarano Antonello Damato e Ruggiero Marzocca -che sia giunto il momento di aprire un confronto serio sul futuro dell’Amministrazione a metà del suo cammino, per trarre un bilancio dei risultati ottenuti a fronte degli impegni assunti con la cittadinanza, e programmare una ripartenza su basi rinnovate, con contenuti condivisi e un’Amministrazione in grado di garantire coerenza, adeguata competenza e nuovo slancio fattuale per Barletta. Occorre ripristinare la centralità del Consiglio Comunale per la costruzione degli indirizzi dell’Amministrazione e aprire un tempo di confronto con le forze sociali e produttive di una città sfiancata da mesi di lockdown produttivo, ma anche politico e sociale. Anche Barletta ha bisogno dei suoi Stati Generali, per disegnare i nuovi contenuti di un programma di governo all’altezza della gravità del momento. Occorre che, alla fine di questo processo di dialogo con la Città e con il Consiglio Comunale, un’Amministrazione capace di adeguato livello di competenza ed operatività di governo si assuma l’onere di un programma poderoso per il triennio di Consigliatura, avendo riguardo ai profili di trasparenza e di eticità necessari oggi ancora più di ieri per ricomporre il rapporto tra politica e cittadinanza".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti