La nota

Aggressione parroco Sant'Agostino, Desario (Italia in comune): "Attivare politiche sociali in zona"

Una zona che vive ormai da tempo in condizione di marginalità

Politica
Barletta lunedì 23 settembre 2019
di La Redazione
Chiesa Sant'Agostino
Chiesa Sant'Agostino © nc

Italia in comune è vicina al parroco di Sant’Agostino don Roberto Vaccariello e ai parrocchiani tutti, per la vile aggressione subita ad opera di un uomo chiaramente in stato confusionale.

Grazia Desario, presidente provinciale Bat, invita l’Amministrazione Comunale e le Forze dell’Ordine a essere presenti in quell’area e a vigilare affinché si elimini quanto prima la recinzione e si dia respiro e dignità alla piazza Principe Umberto, eliminando situazioni oggettive di pericolo.

"Il degrado urbano richiede riqualificazione attraverso il recupero e la valorizzazione ambientale per restituire a questo brano di città condizioni di vivibilità. Si pensi anche di attivare politiche sociali per quella zona che vive ormai da tempo in condizione di marginalità con azioni mirate a ridurre le situazioni di rischio.

Sicuramente è una zona che vive un grande disagio e che, se lasciata a se stessa, non può che peggiorare. Il degrado urbano ha sempre creato ghetti, marginalità e precarietà, pertanto l’obiettivo della politica deve essere quella di contrastare fenomenidi esclusione sociale negli spazi urbani. Sono certa che il recupero urbano vada a braccetto con quello sociale e che con un intervento immediato si possano evitare e consumare altri episodi spiacevoli che allarmino e spaventino ancora la comunità della zona, ad esempio un potenziamento dell’illuminazione onde evitare zone d’ombra pericolose", conclude Desario.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 23 settembre 2019 alle 11:45 :

    Gli squilibrati purtroppo vengono lasciati a sé stessi e possono fare molto danno. Rispondi a Franco

    Cristian Farano ha scritto il 25 settembre 2019 alle 08:50 :

    Scommetto che daranno colpa ai migranti ovviamente Rispondi a Cristian Farano