Ieri, 16 settembre, in Consiglio comunale

Arrivano droni e app per segnalare cattivi odori e roghi: approvata la mozione 5 Stelle

L’applicazione per smartphone sarà dotata di un sistema di geolocalizzazione ed implementata dal supporto di droni che possano intervenire in tempo reale sull’area segnalata dai cittadini

Politica
Barletta martedì 17 settembre 2019
di Cosimo Giuseppe Pastore
Gruppo consiliare M5S
Gruppo consiliare M5S © BarlettaLive.it

In attesa del Consiglio comunale monotematico sul tema ambientale, fissato dalla conferenza dei capigruppo per il prossimo 3 ottobre, è stata approvata la mozione a firma 5 Stelle con cui sarà introdotta una app che consentirà ai cittadini di segnalare in tempo reale la provenienza di fenomeni molesti o inquinanti in città. Un’approvazione annunciata, con i 21 voti favorevoli espressi durante il Consiglio comunale di ieri, dopo la condivisione che lo stesso sindaco Cannito aveva espresso in più occasioni pubbliche.

L’applicazione per smartphone sarà dotata di un sistema di geolocalizzazione ed implementata dal supporto di droni che possano intervenire in tempo reale sull’area segnalata dal cittadino ed informare, subito dopo, l’Arpa Puglia e lo stesso Comune, della fonte inquinante individuata. Sicuramente, un valido sistema di supporto al lavoro dell’amministrazione comunale; non certo un metodo risolutivo alla più ampia crisi ambientale nella quale Barletta è innegabilmente coinvolta, per quanto controllata e attenzionata, come più volte precisato dall’amministrazione.

L’esigenza di uno strumento simile, ha spiegato il Consigliere pentastellato Giuseppe Basile, deriva dall’inefficienza degli strumenti tradizionali di segnalazione, come le telefonate e i post sui social network che, nell’arco dell’ultimo mese, sono aumentate in modo esponenziale dopo l’emergenza legata alle molestie olfattive avvertite in città. Dopo aver presentato una denuncia contro ignoti alla Procura della Repubblica, la causa dell’aria irrespirabile, come noto, è stata subito ricondotta ad un guasto che ha interessato un’azienda di Trani. Questo, tuttavia, non ha sospeso le attività di indagine della polizia locale di Barletta che, dopo qualche ora, avrebbe riacceso i riflettori su aziende della zona industriale di Barletta. La scorsa settimana, a distanza di circa 20 giorni, è stato reso noto un verbale della polizia locale che, ripercorrendo gli interventi messi in campo, getta ombre sull’operato della Dalena Ecologia e della Ecologica Trasmar.

«Ho preso contatti con una società che collabora con ARPA Puglia – ha anticipato l’Assessore all’Ambiente, Ruggiero Passeroche provvederà all’elaborazione di una piattaforma che tenga conto di diversi fattori e variabili, come ad esempio la direzione dei venti».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti