La nota politica

Consiglio comunale deserto, il M5S chiede chiarezza

​"A distanza di una settimana, tutto tace. Sono passati più di sette giorni dal 6 febbraio giorno in cui andava deserta la seduta di un Consiglio comunale convocato con ben 15 punti all'ordine del giorno"

Politica
Barletta giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Aula comunale deserta
Aula comunale deserta © BarlettaLive.it

"A distanza di una settimana, tutto tace. Sono passati più di sette giorni dal 6 febbraio giorno in cui andava deserta la seduta di un Consiglio comunale convocato con ben 15 punti all'ordine del giorno". I consiglieri comunali del M5S chiedono chiarezza su quanto accaduto durante l'ultima seduta, mai svolta per le numerose assenze tra le file della maggioranza.

"Con un appello stranamente anticipato rispetto alle consuete e cattive abitudini di ritardi eccessivi sull’orario di convocazione, il Presidente del Consiglio, Sabino Dicataldo, venendo meno al suo ruolo di garante dell'intero Consiglio comunale, si schierava di fatto dalla parte di coloro che avevano interesse a mandare “deserta” la seduta. Dicataldo, dal canto suo, non ha neanche ritenuto di dover convocare la Conferenza dei Capigruppo per discutere l'accaduto e calendarizzare un nuovo Consiglio comunale, ad ulteriore dimostrazione della sua faziosità.

Ad oggi non è dato sapere nulla sulle motivazioni reali di quella vergognosa assenza: non si esprime il Sindaco né si esprimono i 17 Consiglieri di maggioranza assenti in quella data.

Tutto tace!

Nel frattempo il Sindaco ci distrae facendosi fotografare mentre sovrintende alla sostituzione di una ringhiera o di una piastrella, come se si trattasse di operazioni straordinarie e non della ordinarissima amministrazione!

Il Sindaco e i membri della maggioranza, quando avranno finito di fare i loro giochi di forza, che consentiranno loro di avere, forse, qualche poltrona in più, si ricordino che c'è un futuro da pianificare e una città da governare!

A otto mesi dalle elezioni non hanno ancora approvato le Linee Programmatiche, che dovrebbero essere il primo provvedimento di un'amministrazione seria e lungimirante. Navigano, invece a vista, persi in mille contraddizioni, in quotidiani ripensamentie in logiche di spartizione di potere e di poltrone che nulla hanno a che vedere con lo sviluppo e il benessere dei cittadini barlettani".


Lascia il tuo commento
commenti