La nota condivisa su Fb dal consigliere Carmine Doronzo

Spettacoli dal vivo, le richieste degli operatori del settore al Comune di Barletta

"Sia pure in condizioni di sacrificio, anche economico, noi operatori del settore preferiamo sicuramente renderci utili e, anziché prendere i seicento euro o la cassa integrazione, lavorare"

Cultura
Barletta venerdì 22 maggio 2020
di La Redazione
Danza
Danza © nc

Un documento frutto del lavoro di condivisione e studio da parte dei lavoratori dello spettacolo e delle associazioni e imprese culturali di Barletta, richieste che non rappresentano un libro dei sogni ma azioni e interventi concreti per il rilancio di un settore che altrimenti vedremmo morire.

"È nostro dovere di rappresentanti istituzionali dare loro il massimo sostegno affinché si trovino tutte le risorse utili a trasformare queste proposte in realtà", dichiara sulla sua pagina Fb il consigliere comunale di Coalizione Civica Carmine Doronzo, condividendone il testo che pubblichiamo:

"Agli operatori del Settore Cultura e Spettacolo, gruppi e forze politiche, amministrazione comunale.

Siamo un gruppo di imprese, associazioni e lavoratori dello Spettacolo dal vivo e della formazione di settore che si sono uniti per evidenziare comuni esigenze emerse a seguito dell'epidemia da Covid 19.
Abbiamo prodotto questo testo aperto alle integrazioni di tutti quei concittadini operatori professionali del settore che vorranno farlo proprio.
E’ un appello alla Politica nell'auspicio che voglia tradurlo in provvedimenti concreti, urgenti e necessari.
Se volete sottoscriverlo, dopo averlo letto, aggiungete il vostro nome nei commenti e condividete sul vostro profilo.

A chi di Competenza:
In quasi ogni settore, come nel nostro, il lavoro è entrato in una condizione di crisi evidente. Quasi ovunque nel nostro Paese, ma in particolare nel comune di Barletta, i lavoratori e le imprese dello Spettacolo dal Vivo e della formazione si trovano in una condizione di fragilità endemica, per mille motivi pregressi sui quali è il caso che la Politica prima o poi si interroghi.
Nel frattempo chiediamo però di porre attenzione al fatto che, in ragione di dette fragilità, il settore nel suo complesso, proprio nella nostra città, potrebbe non riuscire a sopravvivere a questa crisi.
Si pensi alle spese fisse mensili - affitto e utenze in particolare - che le scuole di danza, teatro e musica sostengono nonostante la chiusura, all’azzeramento del fatturato delle imprese di produzione e servizi, alla difficoltà di intercettare le misure di welfare governative che i lavoratori incontrano per le condizioni in cui diffusamente sono costretti ad operare.

Chiediamo all’amministrazione comunale di lavorare per tempo su alcuni provvedimenti utili ad attenuare le conseguenze che questo periodo avrà sul comparto e a favorirne la ripartenza.

Con le riaperture graduali del 4 e 18 maggio e poi del 4 giugno avrebbero potuto ricominciare, adottando gli opportuni protocolli e indossando i Dispositivi di Sicurezza Individuale, le prove, le lezioni, i laboratori di varie attività formative nella musica, danza e teatro.
Purtroppo non è stato così, su tutto il territorio nazionale sono ancora sospese tutte le attività preparatorie e le manifestazioni teatrali, eventi culturali dal vivo, presentazioni di libri, festival di cinema aperti al pubblico, con grave danno per un settore già fragilissimo.
Tuttavia, l’ultimo Decreto, finalmente, prevede - a partire dal 15 giugno - il riavvio del settore dello Spettacolo dal vivo e di tutti i Codici Ateco relativi alle nostre attività, attraverso le modalità prescritte dagli allegati 8 e 9 che recepiscono l’insieme di raccomandazioni prodotte dal Comitato Tecnico Scientifico, in collaborazione con le associazioni di categoria e sindacati, anche la Regione Puglia, inoltre, ha da tempo attivato un tavolo coordinato dal professor Lopalco sulle stesse tematiche.
Sono quindi ormai definiti i percorsi da praticare anche per il settore dello Spettacolo dal vivo, non perdiamo altro tempo.

Chiediamo di adottare subito un provvedimento che:
Istituisca un “Tavolo Operativo Covid per Cultura e Spettacolo” che preveda il diretto coinvolgimento di operatori del territorio di acclarata competenza, indicando inoltre un responsabile comunale incaricato di seguire i lavori dei tavoli tecnici governativi e regionali che si occupano della riapertura e del rilancio delle attività di spettacolo dal vivo ed eventi culturali;
Consenta con un sistema di turnazione l’utilizzo del Teatro, dell’Arena del Castello, suoi annessi giardini e Anfiteatro, di altri spazi comunali idonei (palestre delle scuole pubbliche, ex chiesa della Sacra Famiglia, eccetera), per tutte quelle attività che si svolgono senza l’incontro con il pubblico quali: prove, produzioni, laboratori, attività formative, per tutte quelle realtà che non dispongono di spazi idonei e adeguabili, provvedendo all’adeguamento e al rispetto delle prescrizioni previste;
Per le associazioni e imprese che si occupano di formazione, un contributo una tantum a sostegno delle spese di affitto e/o a parziale ristoro causato dai mancati introiti delle rette già previste e contrattualizzate;
Che preveda un sostegno per effettuare l’adeguamento ai protocolli e la sanificazione delle strutture quali scuole e sale prove di danza, teatro e musica, necessari per la riapertura ormai imminente, nonché una periodica sanificazione a cura della BARSA;
Che preveda una riduzione sulla tassa di smaltimento rifiuti per l'anno 2020/21;
Confermi, a partire dal 15 giugno prossimo, la riapertura delle attività teatrali e di spettacolo dal vivo, attraverso un calendario estivo definito con il Teatro Pubblico Pugliese, reimpiantando le attività del Teatro Curci di Barletta nella piazza d’Armi del Castello o in altri luoghi compatibili, nel rispetto di tutti gli impegni economici e di sostegno previsti che erano in essere con i lavoratori e le imprese dei servizi ausiliari, tecnici, artistici e produttivi, nonché con gli spettatori all’inizio del lockdown, anche con un incremento delle risorse a sostegno per far fronte ai minori incassi dovuti alla riduzione dei posti;
In alternativa, per quei soggetti con cui sussistevano impegni e che non potranno svolgere le attività all’aperto, che si accantonino le somme, anche in questo caso prevedendo il necessario incremento, per svolgere le attività previste al Teatro Curci in una stagione autunnale di recupero;
Che suddetto calendario estivo recepisca, inoltre, le proposte inviate e protocollate agli uffici ed assessorati preposti a riguardo, vi sono infatti eventi annuali che l’amministrazione tradizionalmente sostiene, seppur in minima parte, che in condizioni di emergenza come questa, vanno ulteriormente sostenute e valorizzate;
Per tutti gli eventi previsti in estiva, come Festival o rassegne, che il Comune sostenga i costi di base per la sicurezza e il rispetto dei protocolli anticovid previsti dagli allegati al Decreto;
L’adozione di un palinsesto onnicomprensivo per le annualità 2020 - 2021, concepito come strumento di sostegno economico e logistico ai lavoratori e alle imprese della cultura e dello spettacolo, che
Recepisca e finanzi esclusivamente progetti presentati e realizzati da soggetti del territorio comunale;
Faciliti l’intercettazione dei fondi Regionali e Statali previsti;
Preveda anche il sostegno a fasi di lavoro antecedenti l’incontro con il pubblico quali prove, formazione, ricerca, sviluppo, produzione;
Preveda anche la possibilità cautelativa che siano declinati con l’utilizzo di nuove tecnologie;
Verifichi che lo svolgimento di tutti i progetti che coinvolgono l’amministrazione con supporto finanziario, tecnico, di servizi o concessione di spazi avvenga nel rispetto dei protocolli covid, delle normative sul lavoro, dei Contratti Nazionali di Categoria attraverso la rendicontazione delle spese contributive;
Un provvedimento che recepisca queste richieste favorirebbe la necessaria costruzione di una nuova normalità cui approdare e accenderebbe una luce in fondo al tunnel per le attività di spettacolo dal vivo.
In questa direzione vanno anche il Piano straordinario regionale di sostegno in favore del sistema della Cultura e dello Spettacolo colpito dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 “Custodiamo la Cultura in Puglia”, le decretazioni del MIBACT e le norme di settore contenute nel decreto “Rilancio”.
Insomma, il punto è che, sia pure in condizioni di sacrificio, anche economico, noi operatori del settore preferiamo sicuramente renderci utili e, anziché prendere i seicento euro o la cassa integrazione, lavorare. Insomma siamo pronti come sempre a fare la nostra parte".

Maria Grazia Lemma - maestra di danza classica e moderna ASD Liberdanza Barletta
Pino Pepsi - cantante/ autore/ musicista freelance
Alessandro Piazzolla, Attore - Presidente Teatro Fantàsia - Associazione di Promozione Sociale
Giambattista Rossi, Attore - Presidente Associazione Fattoria degli Artisti
Ins. Maria Musti, pianista/organizzatrice di eventi culturali Associazione Athenaeum
Francesco Gorgoglione, scenografo e docente di scenografia Accademia di Belle Arti di Foggia
Ins. Francesca Musti pianista / compositrice/ didatta e direttore artistico Associazione Culturale Athenaeum
Alessandro Terlizzi, musicista
Giuseppe Daleno, Chitarrista
M° Pasquale Iannone, pianista, direttore artistico Amici della Musica "M. Giuliani"
Roberta Grilli, Associazione Teatro Fantàsia
Daniele Dilillo, Associazione Teatro Fantàsia
Associazione Culturale Beathoven
Domenico de Ceglia, Regista, docente, direttore artistico Out of bounds Film Festival
Maria Filograsso, Attrice, docente, direttore artistico Out of bounds Film Festival
Orchestra giovanile Cooperativa Soundiff Diffrazioni Sonore
Rosellina Goffredo, danzatrice e formatrice, freelance
Mariella Parlato, attrice, regista, insegnante teatrale
Diviccaro Michela, attrice, pedagogista teatrale
Paolo Dinuzzi, musicista, didatta
Monica Mango, direttrice artistica e insegnante A. S. D. "Invito alla Danza"
Cooperativa "Setterue"
Angela Dimiccoli, Direttrice Centro Spazio Danza
Associazione Cultura e Musica "G. Curci"
Grazia Dicataldo, direttrice artistica ASD Centro Studi Danza
Fabiola Corvasce, Insegnante Canto per Bambini
Maria Filannino, direttrice artistica Scuola di danza “Scarpette Rosse”
Valeria Modugno addetto stampa Ass. Cultura e musica "G. Curci"
Cinzia Daddato Ins. Danza classica
Anna Maria Stella Pansini, Cantante Lirica, Docente Canto Lirico
Gianpiero Borgia, regista, direttore artistico Teatro dei Borgia
Giuseppe Piazzolla, musicista
Maria Antonietta Dimiccoli Ins. Di danza
Filomena Garzillo Direttrice scuola di danza wellness Academy di Barletta
Irene Ninno, pianista, compositrice e
"direttore artistico del Ligature Festival
Renzo Leone. AUDIOONE SERVICE DI ORONZO LEONE - SERVIZI TECNICI PER LO SPETTACOLO- AUDIO -VIDEO -LUCI-
Defazio S.r.l.
Savino Maria Italiano e Olga Mascolo - danzatori e attori Compagnia "I Nuovi Scalzi"
Stefania D’Onofrio Direttrice artistica "Azioni in danza"
Marianna Defazio "il palcoscenico a.s.d."
Pasquale Somma musicista "Apulia Sinfonietta associazione musicale culturale"
Francesco Crudele performer
Antonio Lo Curto musicista
Massimo Allegretta musicista
ARCI CIRCOLO "CARLO CAFIERO"
ACCADEMIA L'OPERA

Lascia il tuo commento
commenti