Dalla Diocesi

Santa Pasqua, il messaggio dell'Arcivescovo

"La conformazione al Risorto non può e non deve essere occasionale, ma elemento costante della nostra spiritualità"

Cultura
Barletta martedì 16 aprile 2019
di La Redazione
Mons. Leonardo D'Ascenzo
Mons. Leonardo D'Ascenzo © Tranilive

In occasione della Santa Pasqua, l'Arcivescovo Mons. Leonardo D'Ascenzo ha diffuso alla comunità diocesana il messaggio "Conformiamoci al Risorto!".

"Carissimi,

è ormai alle porte la celebrazione del Triduo Pasquale della passione, morte e risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo. Come afferma Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2019 esso è il “culmine dell’anno liturgico”, in quanto siamo chiamati “ogni volta a vivere un itinerario di preparazione, consapevoli che il nostro diventare conformi a Cristo (cfr Rm 8,29) è un dono inestimabile della misericordia di Dio”.

La conformazione al Risorto non può e non deve essere occasionale, ma elemento costante della nostra spiritualità, direi che deve essere la ragione della nostra esistenza come battezzati, come ministri ordinati e come consacrati. E’ un dono che continuamente e prima di tutto dobbiamo chiedere al Signore nella preghiera. A tal proposito quanto istruttiva, indicativa ed edificante è la nota testimonianza di San Paolo, l’innamorato di Cristo, “non vivo più io, ma Cristo vive in me” (Gal 2.20)!

La conformazione a Cristo e la ricerca di essa può offrire un impulso ulteriore in coloro che perseguono il senso pieno della vita. I santi, quelli più vicini e quelli più lontani nel tempo, insegnano questo: la nostra esistenza, alla luce del Cristo, va spesa per seminare i germi di risurrezione (gioia, vita, speranza, prossimità, capacità di cura, servizio, donazione) nei diversi ambienti e nelle varie situazioni, soprattutto laddovesembra primeggiare la solitudine, il dolore, lasopraffazione, la delusione.

Illuminati e sorretti dal Vivente Gesù Cristo, auguro a tutti voi i più sentiti auguri di una buona e santa Pasqua di Risurrezione".

+ d. Leonardo D’Ascenzo

Lascia il tuo commento
commenti