Domani, 14 settembre, presso il Santo Sepolcro

Festa Esaltazione della Croce: la storia della reliquia del Santo Legno

E’ giunta a Barletta nel 1291, portata dall’allora Patriarca Gerosolomitano Randulphus e i suoi canonici dopo la presa di San Giovanni d'Acri da parte dei Turchi

Cultura
Barletta lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Reliquia del Santo Legno della Croce
Reliquia del Santo Legno della Croce © Arciconfraternita Santo Legno della Croce

L’insigne reliquia del Santo Legno della Croce di nostro Signor Gesù Cristo è compatrona della città di Barletta insieme a Maria Santissima dello Sterpeto e San Ruggero Vescovo.

E’ giunta a Barletta nel 1291, portata dall’allora Patriarca Gerosolomitano Randulphus e i suoi canonici quando, dopo la presa di San Giovanni d'Acri da parte dei Turchi, per fuggire allo scempio della distruzione dei luoghi sacri della Terra Santa,  trovarono rifugio nella città di Barletta  nella chiesa del Santo Sepolcro donando alla chiesa barlettana una serie di cimeli che, come detto in precedenza, costituiscono il Tesoro del Sepolcro tra cui il pezzo più pregiato, ossia la Reliquia della Croce. Da quel momento, sino ad oggi, attraverso la Vera Croce di Nostro Signore Gesù Cristo, il legame tra Barletta e la Terra Santa è molto vivo. Non a caso gli Arcivescovi di Barletta Trani Bisceglie sono di diritto anche titolari di Nazareth.

La reliquia è composta da una doppia traversa di altezza 28.80 cm e di larghezza massima di cm 14.80. Troviamo una lamina di argento dorato con motivi ornamentali in rilievo, posta nel retro del manufatto, che si interrompe nella parte mediana per lasciare visibile la reliquia del Legno della Croce. Il verso è uniformemente ornato con una lamina d’argento, sbalzata con racemi dai fiori gigliati e con tondi collocati nel mezzo ed agli esterni della Croce entro i quali vediamo il mistico Agnello e i simboli degli Evangelisti (Marco Giovanni e Luca) mancando quello di Matteo andato distrutto. Il preziosissimo frammento fu qualche secolo fa mutilato. Infatti l’asta verticale , fra le due orizzontali, presenta un vuoto di circa 4 cm. Tanto perché il Priorato di Barletta accolse la richiesta del Vicerè di Napoli, Gaspare di Bragamonte e Guzman, di avere in dono un pezzetto della sacra Reliquia. E così fu operato il taglio.

 A legare per sempre il Fedelissimo popolo di Barletta al Legno della Croce è il Triplice voto voluto dai barlettani e autenticato dall’allora amministrazione comunale che innalzava il Santo Legno della Croce a Compatrona della Città (in primo luogo con San Ruggero Vescovo, poi dalla seconda metà del 1600 con la Vergine dello Sterpeto) . Triplice perché avvenuto nel 1496-1515-1656.  Tali voti sono legati a terrificanti eventi che segnarono la Città di Barletta (ossia la peste e i violentissimi terremoti)  ma i fedeli, sapendo del grande privilegio che avevano in città, ovvero la Vera Croce di nostro Signore Gesù Cristo, elevarono preghiere e voti affinchè potessero essere liberati da tali gravi calamità. E così fu. Il popolo di Barletta riconobbe l’Insigne Reliquia come foriera di favori spirituali Celesti, e ne rimasero per sempre legati.

A custodire la Reliquia, ad incrementarne il culto e la devozione e a portarne avanti le tradizioni è la Venerabile Arciconfraternita del Santo Legno della Croce, ufficialmente costituita nel 1781 con Regio Assenso di Re Ferdinando IV di Borbone, anche se si ha notizia della sua presenza nella Basilica del Santo Sepolcro già dal XVII secolo.

Dall'archivio della Peregrinato Crucis (2016)

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 14 settembre 2021 alle 10:36 :

    Venerare di persona, toccare se possibile, sono cose che nessuna disposizione anti Covid potrà essere utilizzata come alibi per toglierci. Se qualche ecclesiastico ha deciso di cancellare la tradizione popolare lo dica apertamente e non si nasconda dietro la pandemia. Rispondi a Franco