Rubrica a cura del dott. Renato Russo

1° marzo 1927: Il podestà Pietro Reichlin istituisce il mercato settimanale del sabato

Da tenersi ogni sabato sul viale della Stazione

Cultura
Barletta lunedì 01 marzo 2021
di La Redazione
Il cardinale Ascalesi e il sindaco Reichlin, sulla carrozza della famiglia de Martino
Il cardinale Ascalesi e il sindaco Reichlin, sulla carrozza della famiglia de Martino © Rotas

1 marzo 1927: Il podestà Pietro Reichlin istituisce un mercato settimanale da tenersi ogni sabato

Pietro Reichlin, negli anni Venti del Novecento, visse il passaggio dal ruolo di sindaco a quello di podestà. Tutto cominciò il 16 luglio del 1923 quando il gen. Francesco Torre (barlettano) fu inviato dalla Prefettura di Bari come regio commissario per riportare un po’ di ordine nella confusa vita politica della città e preparare le amministrative di autunno. Il 30 novembre venne eletto un Consiglio Comunale che la recente riforma elettorale aveva portato a 40 consiglieri. Primo degli eletti risultò Pietro Reichlin, avvocato e produttore vinicolo, che gestiva la sua attività in quella che ancora oggi si ricorda come “Palazzina Reichlin” su viale Marconi. Esercitò - bene - il suo mandato, con onestà, scrupolo ed efficienza finché, introdotta la legge che sostituiva la figura del sindaco con quella di podestà, Reichlin assunse il nuovo ufficio istituzionale. E fu in questa veste che deliberò una serie di provvedimenti amministrativi col potere del Consiglio Comunale (soppresso) e fra gli altri la decisione di istituire un mercato settimanale da tenersi ogni sabato sul viale della Stazione. Ci vorranno oltre cinquant’anni per spostarlo dal centro città in periferia, in contrada Settefrati.

 

Didascalia foto: Il cardinale Ascalesi e il sindaco Reichlin, sulla carrozza della famiglia de Martino attraversano le vie della città imbandierata a festa

 

Didascalia foto: Palazzina Reichlin, su viale Marconi, nel 1946 durante l’occupazione degli alleati. All’ingresso una sentinella inglese

 

Lascia il tuo commento
commenti