Il provvedimento

Scuola, non cambia nulla: Emiliano ha firmato la proroga dell'ordinanza

Le disposizioni sono valide da oggi fino al 23 dicembre.

Cronaca
Barletta venerdì 04 dicembre 2020
di La Redazione
Coronavirus a scuola
Coronavirus a scuola © n.c.

Come già anticipato nella serata di ieri, il presidente Emiliano ha firmato nella notte la nuova ordinanza che, di fatto, proroga quanto già stabilito nel provvedimento numero 413 del 6 novembre scorso. Le istituzioni scolastiche del ciclo primario, cioè elementari e medie, devono quindi garantire non solo le attività didattiche in presenza, ma anche in did (didattica digitale integrata) per tutti gli alunni le cui famiglie la richiedano espressamente.

Le disposizioni sono valide da oggi fino al 23 dicembre. Nel dettaglio, l'ordinanza firmata oggi dispone che:

1. L’attività didattica si deve svolgere in applicazione del D.P.C.M. 3 dicembre 2020 vigente, salvo quanto previsto ai successivi punti 2 e 3;

2. Al fine di consentire anche in Puglia la tutela della salute pubblica attraverso la didattica digitale integrata nel primo ciclo di istruzione, per ridurre il rischio di diffusione epidemica, le istituzioni scolastiche del medesimo primo ciclo di istruzione devono garantire il collegamento online in modalità sincrona per tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente per i propri figli di adottare la didattica digitale integrata, anche in forma mista, e anche per periodi di tempo limitati coincidenti con eventuali quarantene o isolamenti fiduciari, in luogo dell’attività in presenza. Ove questo collegamento non possa essere garantito immediatamente, ogni singolo istituto, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, deve ricercare ogni altra modalità utile a consentire comunque l’attivazione della didattica digitale integrata, anche in forma mista, e anche per periodi di tempo limitati coincidenti con eventuali quarantene o isolamenti fiduciari, agli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta;

3. Ove necessaria una implementazione tecnologica ai fini di cui al comma 2, ogni conseguente adempimento deve avvenire con l’urgenza del caso e comunque in tempi compatibili con l’attuazione di quanto disposto al medesimo punto 2, tenendo presente che agli studenti che hanno chiesto la didattica digitale integrata, non può essere imposta la didattica in presenza.

4. Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

5. Le Istituzione Scolastiche di ogni ordine e grado devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute ( scuola.salute@regione.puglia.it ) il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 04 dicembre 2020 alle 09:24 :

    Emiliano sta tentando di usare la scuola come capro espiatorio dei problemi sanitari pugliesi ma anche lui sa bene che non è vero. Rispondi a Franco