L'intervento

Gli ​studenti universitari della Bat vanno considerati "fuori sede"

Anche questi dovrebbero poter concorrere per le borse di studio Adisu

Cronaca
Barletta lunedì 29 giugno 2020
di La Redazione
Ateneo
Ateneo © n.c.

“Gli studenti della Bat e della provincia di Brindisi che frequentano la sede universitaria di Bari non sono pendolari ma fuori sede, e perciò hanno diritto di concorrere per la borsa di studio Adisu. Ho chiesto pertanto all’assessore Sebastiano Leo una modifica dei criteri, diversamente proporrò al Consiglio una norma per porre subito rimedio”. Lo dichiara il consigliere regionale Fabiano Amati, presidente della Commissione regionale bilancio.

“Ho interpellato - prosegue - sia l’assessore Leo che il direttore dell’Adisu, chiedendo di modificare i criteri del bando per l’erogazione delle borse di studio. È accaduto, infatti, che i criteri per considerare gli studenti fuori sede o pendolari sono legati al tempo di percorrenza dei mezzi di trasporto, sicché coloro che risiedono in comuni distanti meno di sessantacinque minuti dalla sede universitaria non possono essere considerati fuori sede ma pendolari, escludendoli dunque da ogni forma di sostegno. In realtà – aggiunge Amati – ci sono comuni, peraltro di province diverse da quella di Bari, in particolare Cisternino, Fasano e Trani, i cui tempi di percorrenza nel limite dei sessantacinque minuti rappresentano uno standard teorico ottimale, calibrato sulla corsa e tipologia di trasporto più performanti, che i mezzi pubblici non raggiungono quasi mai in tutte le fasce orarie. Ne deriva, allora, che uno standard ottimale teorico, sta escludendo di fatto centinaia di studenti dalla parità di condizioni al diritto allo studio, così come negli anni scorsi era sempre accaduto. Per questo motivo – conclude – ho chiesto una modifica dei provvedimenti amministrativi, ma sono già pronto per richiedere al Consiglio regionale l’approvazione di una norma che sani la disparità venutasi a determinare”.

Lascia il tuo commento
commenti