Emergenza Coronavirus e solidarietà

Coronavirus, 350 mascherine distribuite agli anziani in fila davante alle Poste

Realizzate e donate alla nostra Redazione da una coppia di concittadini

Cronaca
Barletta venerdì 27 marzo 2020
di La Redazione
L'editore Pedico con volontari ANPS
L'editore Pedico con volontari ANPS © BarlettaLive.it

Ancora un gesto di solidarietà che riscalda queste cupe giornate, da vivere purtroppo con il fiato sospeso in attesa che tutto passi.

Circa 350 mascherine sono state realizzate a mano in tessuto impermeabilizzato e donate alla nostra Redazione da una coppia di concittadini, Letizia Iodice e Bledar Skenderi. La signora Iodice ha dedicato parte del suo tempo da trascorrere forzatamente in casa a questa lodevole iniziativa.

L'editore di BarlettaLive.it, Ruggiero Pedico, ha deciso di donarle all'ANPS, i cui volontari questa mattina stanno procedendo alla distribuzione agli anziani in attesa di riscuotere la pensione presso la sede centrale di Poste Italiane, in corso Garibaldi.

"Con l'ANPS - commenta l'editore Pedico - abbiamo pensato di tutelare i soggetti in questo momento più esposti all'aggressione del coronavirus. Ringrazio di cuore la famiglia che ha pensato a questo bellissimo gesto per la nostra comunità".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 27 marzo 2020 alle 14:55 :

    Ma possibile che ci siano ancora anziani in fila davanti alle Poste? Quelli over 65 devono stare a casa. Spero non ci vadano per avere una scusa per uscire. Rispondi a Maria P.

  • savino ha scritto il 27 marzo 2020 alle 11:14 :

    Mascherine ad capocchiam, stiamo giocando con la salute della gente e dobbiamo essere costretti a causa di questi disabili mentali a restare chiusi in casa ai domiciliari. E' UNA VERGOGNA. non c'è una organizzazione. si lascia fare a degli incompetenti. Rispondi a savino

    Marco ha scritto il 28 marzo 2020 alle 10:29 :

    Infatti più che di mascherine queste persone hanno bisogno di essere seguite, non hanno più la percezione del rischio. Rispondi a Marco