Nella gestione dell'emergenza

Coronavirus, il sindaco Cannito loda l'operato dei volontari Caritas

"Si tratta di una significativa testimonianza del ruolo di indiscusso riferimento assunto nel sociale da questo presidio"

Cronaca
Barletta mercoledì 25 marzo 2020
di La Redazione
Mensa Caritas
Mensa Caritas © nc

Alcuni giorni fa, il sindaco di Barletta dott. Cosimo Damiano Cannito ha espresso parole di compiacimento e di riconoscenza verso l’operato della Caritas cittadina nell’attuale fase di emergenza coronavirus in una lettera indirizzata al direttore della medesima dott. Lorenzo Chieppa.

«Barletta dimostra – scrive il sindaco Cannito nella missiva – uno straordinario potenziale di solidarietà. In questi giorni di emergenza per la sanità pubblica, tra le numerose testimonianze di umanità tese alla tutela dei diritti dei più deboli merita segnalazione la complessa attività svolta dalla locale Caritas, che non ha interrotto la distribuzione di pasti e, più in generale, il servizio di accoglienza in favore degli indigenti presso le sue strutture.

Si tratta di una significativa testimonianza del ruolo di indiscusso riferimento assunto nel sociale da questo presidio che, moltiplicando le proprie energie in ragione del momento che tutto il paese sta attraversando, si confronta con un banco di prova reso ancor più impegnativo dalle misure introdotte per contenere la diffusione del contagio. Interpretando i sentimenti di ammirazione di tutta la comunità che rappresento voglio pertanto lodare l’operato dei volontari Caritas, da sempre in apprezzata sintonia con l’Amministrazione comunale anche per questo vicina alle categorie più fragili e bisognose».

Lorenzo Chieppa, nel ringraziare il sindaco Cannito, ha aggiunto che «Caritas Barletta per le sue opere ad alto contenuto umanitario è un presidio di solidarietà e volontariato attivo. Con le sue strutture, la Rete con le principali associazioni presenti da sempre sul territorio e i servizi sociali, è un punto di riferimento per chi vive nel bisogno, nostri concittadini e per tutti gli stranieri che vi dimorano.

È una componente del Piano Sociale di Zona e siede nel Centro Operativo Comunale prefettizio. In questo momento ha scelto, nel rispetto delle limitazioni imposte dalle stringenti norme sanitarie di continuare ad erogare i suoi servizi nonostante le difficoltà generate dalla ridotta presenza di volontari e dal crescente numero di pasti e di richieste di interventi emergenziali dimostrando di essere un presidio solidale su tutto il territorio. Grazie ai nostri volontari, al Sindaco, a chi ci sostiene e chi decide di farlo ancora, ed anche a chi non capisce che il ns posto vicino a Loro risponde solo ad un esigenza di apostolato.

Vienici a trovare solo così tutti insieme potremo dire "Andrà tutto bene "».

Intanto si è conclusa, a cura dell’azienda privata Marchisella, la prima fase di sanificazione della Palazzina Caritas di via Manfredi, contenitore multifunzionale che racchiude l'accoglienza diurna con le docce e lavanderia, l'ambulatorio e lo sportello di ascolto, oltre ai depositi indumenti.

Al primo e secondo piano il dormitorio e l'accoglienza per i padri separati. L'intervento si è reso necessario per rispondere alle esigenze sanitarie dettate dalle norme sul coronavirus. L'azienda alla fine dell'intervento di sanificazione ha inviato i tamponi all'istituto sanitario che rilascerà il certificato di sanificazione e uso della struttura.

Lascia il tuo commento
commenti