Frequentava la 3H

La scuola media "E. Fieramosca" piange il piccolo Alessandro

A soli 13 anni strappato via da un male incurabile

Cronaca
Barletta martedì 03 marzo 2020
di Giuseppe Dimiccoli
La scuola Fieramosca piange il piccolo Ale Dargenio
La scuola Fieramosca piange il piccolo Ale Dargenio © nc

Tutti, non solo ieri mattina, varcando il cancello della scuola «Ettore Fieramosca» hanno dedicato una preghiera al piccolo Alessandro. Lo hanno fatto con le lacrime agli occhi e il cuore lacerato dal dolore.

Quella sfilza di necrologi sul muro dell’istituto diretto da Francesco Messinese, anche quando non ci saranno più, continueranno a rappresentare l’icona dolorosa e indimenticabile di una morte che ha segnato tutti e che rimarrà nel cuore di tutti.

Ale, così lo chiamavano i suoi amici più cari, con la sua nuova dimensione di angelo che sorride dal cielo, ha offerto a tutti - grandi e piccoli - un grande e profumato insegnamento: amare la vita, nonostante tutto.

Alessandro Dargenio, appena tredicenne, purtroppo è volato in cielo troppo presto. La sua è stata una vita segnata negli ultimi anni dal dolore, ma incardinata sull’amore di mamma Amalia, di papà Giuseppe, del fratellino Dario e di tutti i familiari. Ha lottato contro la terribile malattia con grande dignità, regalando a tutti i suoi compagni di classe della III H e all’intera comunità scolastica il più bel ricordo che si potesse immaginare. Sabato pomeriggio, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli, quella bara bianca ha «raccontato» a tutti che anche una vita così breve può rappresentare un esempio di coraggio, unico nel suo genere. Una lezione di umanità che rimarrà scolpita nel cuore di tutti.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno del 3/03/2020

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luciano Tupputi ha scritto il 05 marzo 2020 alle 10:47 :

    non ci sono parole.....non si puo' accettare una morte così prematura....devastante Rispondi a Luciano Tupputi

  • Maurizio Lotoro ha scritto il 03 marzo 2020 alle 19:02 :

    riposa in pace piccolo Angelo Rispondi a Maurizio Lotoro