Varie operazioni del Commissariato di Polizia di Barletta

Controlli a sale giochi e lotta allo spaccio: 21 mila euro di sanzioni, due arresti e 5 denunce

Gli arrestati e denunciati sono giovanissimi fra i 18 e i 20 anni

Cronaca
Barletta martedì 28 gennaio 2020
di La Redazione
Slot machine
Slot machine © Larassegna.it

I poliziotti dell'Ufficio di Polizia Amministrativa del Commissariato di P.S. di Barletta hanno effettuato 12 controlli amministrativi a sale giochi, esercizi pubblici e circoli privati, elevando sanzioni amministrative per un importo totale di 21.500 euro; disposta la chiusura di un esercizio commerciale, un circolo privato e una sala giochi.

Inoltre, importanti interventi anche nell'ambito della lotta allo spaccio. Nell'ambito degli specifici servizi di controllo del territorio tesi a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, infatti, i poliziotti del locale Commissariato di P.S., unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine Puglia e ad unità Cinofile della Questura di Bari, hanno arrestato G.P., classe 2000, già sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, poiché, nei luoghi della movida cittadina, è stato trovato in possesso di 4 cipolline di cocaina e della somma di 410 euro in contanti, ritenuta provento dell'attività illecita. L'attività di perquisizione, estesa alla sua abitazione, ha consentito di rinvenire altre 4 cipolline di cocaina.

D.M., classe 2001, è stato arrestato dopo essere stato sorpreso, sempre nella zona del centro storico, in possesso di 22 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 30 grammi. Il giovane, nel tentativo di eludere il controllo di polizia, ha cercato di fuggire a bordo di una bici elettrica ma è stato immediatamente bloccato dai poliziotti.

La polizia inoltre ha denunciato in stato di libertà 5 persone: due diciottenni, in possesso di 8 grammi di marijuana e 685 euro in contanti, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti; un 20enne, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, che durante una perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di marijuana e materiale per il confezionamento delle dosi (il giovane, inoltre, è stato trovato in possesso di un telefono cellulare che non poteva detenere per via del suo status di arrestato domiciliare); un minore di 17 anni ritenuto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale (privo di patente di guida, circolava tranquillamente a bordo di un motoveicolo e, nonostante l'alt intimato dai poliziotti della Squadra Volante, ha tentato di darsi alla fuga ma è stato bloccato dopo un breve inseguimento per le vie cittadine); un 32enne ritenuto responsabile di detenzione abusiva di armi.

Quest'ultimo, al fine di eludere un controllo da parte di una pattuglia della Sezione Anticrimine del Commissariato di P.S., a bordo di una bici elettrica, ha tentato di nascondersi tra le auto in sosta. Il suo atteggiamento ha insospettito i poliziotti che lo hanno fermato e sottoposto a perquisizione personale: è stato denunciato perché trovato in possesso di 6 cartucce calibro 9 corto.

Lascia il tuo commento
commenti