Presentata l'iniziativa

Borracce in alluminio per 9 mila alunni delle scuole di Barletta

Per ridurre l'uso della plastica

Cronaca
Barletta martedì 14 gennaio 2020
di La Redazione
Borracce in alluminio
Borracce in alluminio © nc

Sono 9.000 gli studenti di Barletta, alunni delle scuole primarie e medie, che riceveranno nei prossimi giorni altrettante borracce di alluminio fornite da Bar.s.a., la società interamente partecipata dal Comune, che si occupa della gestione dei servizi ambientali in città.

L’iniziativa, d’intesa con l’Amministrazione comunale - Assessorato all’Ambiente, dà corso alle politiche concrete messe in campo dal governo cittadino per ridurre l’uso della plastica. Stamani a Palazzo di città, in sala Giunta, il sindaco Cosimo Cannito, insieme all’assessore all’Ambiente Ruggiero Passero e all’amministratore di Bar.s.a. Michele Cianci, hanno presentato l’iniziativa alla stampa e a una delegazione di alunni, insegnanti e genitori mentre la distribuzione avverrà nelle singole scuole, nelle quali gli insegnanti hanno previsto lezioni ad hoc su tematiche ambientali per accompagnare l’evento e approfondirlo con focus formativi ed educativi.

“Il vostro compito – si sono raccomandati sindaco e assessore agli alunni presenti – sarà quello di fare da tutor ai più grandi nelle tematiche ambientali, a cominciare dalle vostre famiglie, perché tutti siano rispettosi dell’ambiente”.

Quella di oggi è stata anche l’occasione per ricordare e fare il punto sulle altre iniziative a tutela dell’ambiente e della salute pubblica alle quali l’Amministrazione comunale sta lavorando. Sono per esempio cominciati gli incontri nelle scuole propedeutici alla fase operativa del biomonitoraggio delle unghie dei bambini e proseguiranno nei prossimi giorni, come da calendario concordato con le dirigenti scolastiche.

L’Amministratore di Bar.s.a. Cianci ha annunciato altre iniziative, su tutte interventi mirati alla riduzione delle cicche delle sigarette e la previsione dei cosiddetti “Cestini mangia plastica” presso il porto, la lega navale e altrove sempre al mare. Nel porto di Barletta esiste già un cassone per la raccolta della plastica recuperata in mare dai pescatori, avendo Barletta, con il comune di Molfetta, aderito al progetto Fishing for Litter, a tutela della risorsa marina, in collaborazione con la regione Puglia e Corepla.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 23:34 :

    Non so se le borracce daranno da bere, sicuramente hanno già dato da mangiare. Rispondi a Franco

  • Maria P. ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 11:37 :

    Ancora la storiella "green" delle borracce? Tutti gli studenti erano tanto incapienti da non potersi permettere l'acquisto di una borraccia? Il green sta diventando una bella giustificazione per affari di vario tipo. Rispondi a Maria P.

  • Gino Seccia ha scritto il 14 gennaio 2020 alle 20:55 :

    La gara x aggiudicarsi la vendita delle 9000 borracce? Chi si doveva accontentare? Rispondi a Gino Seccia