L’udienza di oggi

Scontro treni, la difesa chiede il proscioglimento per Pasquini e i capistazione

La richiesta al Gup del Tribunale di Trani, che deve decidere sul rinvio a giudizio

Cronaca
Barletta venerdì 09 novembre 2018
di La Redazione
Nell’aula bunker del carcere di Trani
Nell’aula bunker del carcere di Trani © Astip

Proscioglimento per Enrico Maria Pasquini, presidente del cda e amministratore delegato di Ferrotramviaria dal 1998 al dicembre 2013; per il dirigente coordinatore centrale, Francesco Pistolato; per il capostazione di Corato, Alessio Porcelli, e anche per il collega Vito Piccarreta, in servizio Andria, che però aveva chiesto il patteggiamento a 4 anni (richiesta respinta dopo che la Procura ha ritenuto incongrua la pena proposta).

È quanto hanno chiesto, questo pomeriggio, i difensori dei 4 (dei 18 imputati) durante l’udienza preliminare per lo scontro tra due treni avvenuto, il 12 luglio 2016, sulla tratta a binario unico Andria-Corato di Ferrotramviariacon 23 morti e 51 feriti. In particolare per Enrico Maria Pasquini, l’avvocato Luigi Panella (che difende l’imputato insieme al collega Leonardo Iannone) ha sostenuto che il proprio assistito non aveva alcuna posizione di garanzia per poter intervenire nel 2016, ed evitare quanto accaduto, avendo dismesso ogni incarico già a fine 2013. Mentre la difesa di Vito Piccarreta, che avrebbe dato il via libera alla partenza del convoglio senza attendere l’arrivo dell’altro sullo stesso binario, ha chiesto l’approfondimento nel processo per verificare i gradi di responsabilità colposa o dolosa dei vari imputati.

La discussione delle difese continuerà nelle prossime udienze del 13 e del 15 novembre. Durante quest’ultima udienza verrà fissata anche la data del processo in abbreviato richiesto da Elena Molinaro, direttore della divisione 5 della direzione generale-Tpl. Ma sarà necessaria, quasi certamente, un’altra udienza per eventuali repliche e per la decisione del Gup.

La Procura ha chiesto il processo per 18 persone fisiche e una società. I reati contestati - a vario titolo – sono disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso; mentre Ferrotramviaria spa, imputata come persona giuridica,risponde dell’illecito amministrativo dipendente dai reati commessi da vertici e dirigenti.Oltre ai due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, sono alla sbarra il capotreno sopravvissuto Nicola Lorizzo; il dirigente coordinatore centrale (Dcc), Francesco Pistolato; i vertici di Ferrotramviaria, il conte Enrico Maria Pasquini e la sorella Gloria Pasquini; il direttore generale, Massimo Nitti, e il direttore di esercizio, Michele Ronchi; e ancora Giulio Roselli, dirigente divisione infrastruttura di Ferrotramviaria; Vito Mastrodonato, dirigente responsabile della divisione passeggeri di Ferrotramviaria; Francesco Giuseppe Michele Schiraldi, capo unità organizzativa tecnica responsabile del coordinamento delle attività delle unità tecniche di divisione e del supporto infrastruttura; Tommaso Zonno, coordinatore responsabile dell'unità tecnica trazione e scorta ferroviaria; GiandonatoCassano, coordinatore di ufficio responsabile dell’unità tecnica formazione e regolamenti unità sociale; Antonio Galesi, capo unità tecnica e responsabile unità tecnica movimento stazioni. Il processo è stato chiesto anche per Virginio Di Giambattista, direttore generale della direzione generale per i sistemi di trasporto e impianti fissi e il trasporto pubblico locale, ed Elena Molinaro, direttore della divisione 5 della direzione generale-Tpl; Alessandro De Paola e Pietro Marturano, in qualità di direttori dell’Ustif di Puglia, Basilicata e Calabria (il primo dal gennaio al giugno 2011 e dal giugno 2013 al dicembre 2014, il secondo dal 19 febbraio 2015).

Parti civili, solo nei confronti dei 18 imputati (persone fisiche), sono la Regione Puglia, i Comuni di Corato, Andria e Ruvo di Puglia, le associazioni Acu e Anmil, i parenti delle vittime e ipasseggeri sopravvissuti. Ferrotramviaria e Ministero dei Trasporti sono stati ammessi come responsabili civili, cioè soggetti tenuti eventualmente a risarcire i danni.

Lascia il tuo commento
commenti