Il caso

Sesso per strada nei pressi del Castello? Coppia ripresa dai passanti

Una giovane coppia sembra intenta a consumare un rapporto sessuale sul marciapiede

Cronaca
Barletta martedì 18 settembre 2018
di La Redazione
Sesso per strada a Barletta
Sesso per strada a Barletta © nc

Da Roma a Firenze, dalla Cina a Dublino, i video virali su coppie che fanno sesso per strada ormai non si contano più in rete. Stavolta al repertorio si aggiunge anche una performance andata in scena ieri sera a Barletta, nei pressi del Castello. Una coppia, sembrerebbe di giovanissimi, pare non abbia saputo controllare ormoni ed entusiasmo consumando, da quel po' che si vede nel video in circolazione da ore, un rapporto sessuale in pubblico, su un marciapede, fra automobilisti e pedoni che hanno assistito riprendendo con i cellulari.

Mettendo da parte morale e moralismo, vorremmo soltanto ricordare ai protagonisti e ad eventuali futuri emulatori che si tratta comunque di un comportamento illecito, che il codice penale definisce "atti osceni in luogo pubblico". Sebbene nel 2016 sia stato depenalizzato, resta la sanzione amministrativa e, nel caso in cui alla scena possano assistere potenzialmente dei minori, è previsto il carcere. L'articolo 527 del codice penale dispone infatti che: "Chiunque, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti osceni è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 30.000. Si applica la pena della reclusione da quattro mesi a quattro anni e sei mesi se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano".

Come possiamo constatare, quindi, le sanzioni sono piuttosto pesanti, segno che il comportamento è ritenuto gravemente offensivo dal punto di vista sociale. Lo scopo della norma è, infatti, tutelare la sensibilità dei cittadini che, passeggiando per strada, non devono certo "inciampare" in certe situazioni. La morale quindi non c'entra, questo va detto a tutti coloro che istintivamente vorranno sollevare obiezioni tipo "eh ma basta voltare la testa", "saranno fatti loro", "sono giovani, si divertono" e simili. E no, la convivenza civile impone prima di tutto il rispetto reciproco, che viene meno quando si esibiscono atteggiamenti sessuali espliciti in pubblico; oppure anche quando si abbandona la spazzatura per strada, condannando la città al degrado. Sesso e spazzatura, entrambi sui marciapiedi...fa rabbia. E non è moralismo, è dignità.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti