La nota del MInistero dell'Interno

Sì ai cori e ai cantori a Messa e tolto obbligo di distanziamento tra familiari in chiesa

​Il Comitato tecnico scientifico, nella riunione del 10 agosto scorso, ha preso in esame le richieste della Cei e ha deliberato sui quesiti posti

Attualità
Barletta sabato 22 agosto 2020
di La Redazione
Coro Cappella Sistina a Ruvo (foto d'archivio)
Coro Cappella Sistina a Ruvo (foto d'archivio) © RuvoLive.it

La possibilità di reintrodurre cori e cantori nelle celebrazioni liturgiche e la fine dell’obbligo del distanziamento interpersonale per i componenti dello stesso nucleo familiare o persone non legate da vincolo parentale ma che condividono abitualmente gli stessi luoghi sono le due novità più importanti contenute in una nota del Ministero dell’Interno, in risposta alle richieste della Segreteria generale della Conferenza episcopale italiana.

Il 29 giugno scorso, la Cei aveva posto al Ministero dell’Interno tre quesiti relativi alla ripresa delle celebrazioni liturgiche con la partecipazione dei fedeli in chiesa. In sostanza, la Cei chiedeva se fosse possibile superare il limite di 200 partecipanti alle celebrazioni negli edifici di ampie dimensioni che possono assicurare un distanziamento senza difficoltà; la possibilità per i familiari di partecipare alle celebrazioni evitando tra loro il criterio di distanziamento e infine l’ammissione della figura dei cantori.

Il Comitato tecnico scientifico (Cts), nella riunione del 10 agosto scorso, ha preso in esame le richieste della Cei e ha deliberato sugli ultimi due quesiti. Il Cts ha stabilito che la possibilità di reintrodurre «l’impiego di cori e cantori durante le funzioni religiose o in occasione di eventi di natura religiosa». I componenti del coro però «dovranno mantenere una distanza interpersonale laterale di almeno 1 metro e almeno 2 metri tra le eventuali file del coro e dagli altri soggetti presenti. Tali distanze possono essere ridotte solo ricorrendo a barriere fisiche, anche mobili, adeguate e prevenire il contagio tramite droplet (l'emissione di secrezioni respiratorie e salivari in forma di goccioline, espulse quando si starnutisce e si tossisce, che rimangono sospese nell'aria, ndr)».

Il Comitato risponde infine anche al quesito relativo ai nuclei familiari. «Durante lo svolgimento delle funzioni religiose – si legge nella nota – non sono tenuti all’obbligo del distanziamento interpersonale i componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi/congiunti, parenti con stabile frequentazione; persone, non legate da vincolo di parentela, di affinità o di coniugio, che condividono abitualmente gli stessi luoghi e/o svolgono vita sociale in comune».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Domenico Laurent ha scritto il 23 agosto 2020 alle 04:36 :

    Ma coloro che cantano uno vicino l'altro in coro sono tutti famigliari? Poi chiudono le discoteche. Rispondi a Domenico Laurent

  • mah ha scritto il 22 agosto 2020 alle 18:36 :

    Tanto le chiese ormai si sono svuotate dopo l'asservimento della Cei allo Stato. Gli incontri dei musulmani senza problemi e qui invece è vietato persino le processioni. Rispondi a mah

  • Maria P. ha scritto il 22 agosto 2020 alle 16:05 :

    A,parte che non si è ancora capito bene da chi sarebbe composto questo famoso Comitato Tecnico Scientifico, come opera, come vengono scelti i componenti e perché le loro decisioni non vengono verbalizzate ma anzi tenute segrete. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 22 agosto 2020 alle 08:46 :

    Dovremmo ora ringraziare il Comitato Tecnico Scientifico se ci permette di stare in chiesa accanto ai familiari? Dopo che ce lo aveva ingiustificatamente vietato? Arrivano tardi, dopo essere partiti male. Era una cosa ovvia. Rispondi a Franco