La nota del Sindaco Cannito

Festa della Madonna a Barletta: ecco perché non si farà

Non ci saranno festeggiamenti, bancarelle e giostre

Attualità
Barletta mercoledì 08 luglio 2020
di La Redazione
Madonna dello Sterpeto
Madonna dello Sterpeto © nc

Resta vivo il culto per la Madonna dello Sterpeto e San Ruggero ma non ci saranno festeggiamenti, bancarelle e giostre.

"Le circostanze, quelle tristemente note dell’epidemia da Coronavirus, e la tempistica di come si sono evolute le cose, non sono stati dalla
nostra parte e così succede che non sarà possibile, per quest’anno, festeggiare come da tradizione i Santi Patroni della Città di Barletta, la Madonna dello Sterpeto e San Ruggero". Lo annuncia ufficialmente il sindaco Cosimo Cannito.

"In occasione della riunione tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia tenutasi presso la Prefettura il 25 giugno scorso, avevo
prospettato una ipotesi di programma per la festa patronale. Nell’ambito dell’esame della proposta, dopo attenta e scrupolosa valutazione, tale proposta è stata respinta, atteso il quadro normativo di riferimento legato al contenimento del contagio da Coronavirus, questione assolutamente prioritaria, anche in questa fase di diminuita diffusione dell’epidemia, motivando, a ragione, che lo svolgimento contemporaneo delle bancarelle e delle giostre, RICHIAMANDO UN GRAN NUMERO DI PERSONE, avrebbe costituito un effettivo pericolo di diffusione del Covid.

Tutto questo accadeva in assenza di un indirizzo ordinatorio regionale che consentisse lo svolgimento di sagre, feste e fiere locali.

L’ ordinanza del Governatore Emiliano è arrivata il 2 luglio scorso, ormai troppo tardi per consentire l’organizzazione e lo svolgimento della festa, tenuto conto della necessità di effettuare nei tempi di legge sia le gare per l’appalto e installazione delle luminarie, dei fuochi di artificio e delle relative autorizzazioni di polizia, sia per organizzare in ossequio al regolamento che disciplina le attività
commerciali su aree pubbliche, il complesso allestimento delle bancarelle da parte degli Uffici comunali preposti alle autorizzazioni,
anche in considerazione del fatto che le prescrizioni dell‘Ordinanza sono molto stringenti.
A questo si deve aggiungere la volontà del Capitolo della Concattedrale di Santa Maria di non fare la processione, rito che rappresenta il cuore religioso e devozionale della festa patronale, con la sua grande partecipazione popolare.
Per tutti questi motivi, mi addolora comunicarlo, ma la festa della Madonna, così come tradizionalmente viene intesa e celebrata, quest’anno non si farà e di intesa con il Capitolo della Cattedrale abbiamo condiviso la decisione di circoscrivere gli eventi connessi alla festa patronale dando assoluta priorità a quelli religiosi, come da programma, escludendo quindi ogni forma di iniziativa di carattere laico e attinente ai festeggiamenti.
Per quanto riguarda la installazione delle giostre, giova precisare che l’ autorizzazione alla loro attività è stata rimessa, da parte della
Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo con sede nella Prefettura, alla competente Commissione Comunale di
Vigilanza che, a sua volta, ha autorizzato l’esercizio del luna park ma al di fuori della festa patronale, una volta conclusa. Questo perché essendo previsti tali intrattenimenti da una Ordinanza della Regione Puglia, non possono essere vietati e non può non essere riconosciuto il diritto di esercitarli in maniera discrezionale. Il luna park ci sarà da dopo la festa con tutta una serie di prescrizioni molto rigorose a carico dei gestori a tutela della salute e della pubblica incolumità a cominciare dal numero di attrazioni che da 104 sono scese a 66.
Per quest’anno, purtroppo, le cose andranno così, sperando in una edizione 2021 della Festa della Madonna che ci riporti alle nostre
tradizioni e consacri anche il ritorno alla normalità per la vita della nostra comunità cittadina e non solo. Abbandoniamo le polemiche, le
divisioni e le critiche e cerchiamo di celebrare i santi patroni di Barletta in un clima di concordia e fiducia.

Di seguito il programma dei solenni festeggiamenti in onore dei Santi Patroni della Città, Maria SS. dello Sterpeto e San Ruggero.

SANTUARIO MARIA SS. DELLO STERPETO:
Mercoledì 08, giovedì 09 e venerdì 10 luglio ore 18.30, triduo in preparazione alla festa:
- 8 luglio, celebrazione eucaristica presieduta dal canonico sac. Gaetano Corvasce
- 9 luglio, celebrazione eucaristica presieduta dal canonico sac. Vincenzo Misuriello
-10 luglio, celebrazione eucaristica presieduta dal canonico sac. Francesco Doronzo

Sabato 11 luglio, ore 20.30
· celebrazione dei Primi Vespri della Domenica XV per annum con la presenza del Capitolo Cattedrale. Presiede l’Arciprete,
Don Francesco Fruscio, con l’intervento del Capitolo Cattedrale, del rev.mo Clero secolare e regolare di Barletta

Domenica 12 luglio, Festa dei Santi Patroni
· Sante messe: ore 8.30 – 10.00 – 11.30 – 12.30 – 17.30 – 18.30
· ore 20.30: Solenne Pontificale presieduto dall’Arcivescovo S.E. Mons. Leonardo D’Ascenzo, con la partecipazione del Capitolo
Cattedrale, il Clero secolare e regolare, delle Religiose, delle rappresentanze delle Confraternite, dei Terz’Ordini, delle Associazioni
laicali e del Comitato Feste Patronali. Interviene il Sindaco di Barletta , il Sig. prefetto, le autorità civili e militari della città e della provincia Barletta-Andria-Trani

CHIESA DI SAN RUGGERO:
Lunedì 13 luglio
· ore 20.00, Solenne Pontificale presieduto dall’Arcivescovo S.E. Mons. Leonardo D’Ascenzo, con l’assistenza del Capitolo Cattedrale, il
Clero secolare e regolare, della Comunità Monastica Benedettina, il Comitato Festeggiamenti e del Comitato Feste Patronali

CONCATTEDRALE SANTA MARIA MAGGIORE
Martedì 14 luglio
· ore 19.00, S. Messa presieduta dal Canonico Sac. Gennaro Dicorato
Ai fedeli sarà data la possibilità della venerazione delle sacre immagini, in sicurezza, presso il Santuario Antico dal 7 al 12 luglio e presso la Chiesa di San Ruggero il 13 luglio dalle 17.30 alle 19.00.

- Le celebrazioni presso il Santuario saranno trasmesse in diretta televisiva da Amica 9 canale 91

- La celebrazione presso la Chiesa di San Ruggero sarà trasmessa in diretta televisiva da Easy Tv canale 190.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 08 luglio 2020 alle 15:53 :

    Abbiamo visto tutti pochi giorni fa le foto della grande festa nella tenuta vinicola di Bruno Vespa in Salento a cui hanno partecipato anche Emiliano e Zaia. Tutti a brindare e festeggiare senza mascherina senza distanziamento. Non si capisce perché loro possono e noi no. Rispondi a Franco

  • michele:torre ha scritto il 08 luglio 2020 alle 12:51 :

    sono sicuro che la decisione presa sia quella giusta anzi questa è l^occasione di stanziare la cifra riparmiatain cose molto più utili come trasferire la Biblioteca in centrocittà e non nel castello: Sig: Sindaco la cultura deve essere libera e non chiusa in una fortezza medievale: d.s: Michele torre da BARLETTA Rispondi a michele:torre

    Marco ha scritto il 08 luglio 2020 alle 15:49 :

    Se sei sicuro tu stiamo apposto, ma il problema resta. La Regione ha dato il via libera ma il Vescovo no. Per quanto tempo andrà avanti questo eccesso di precauzione non motivato da nulla? Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 08 luglio 2020 alle 08:41 :

    Dunque ora sappiamo nomi e cognomi di chi non ha voluto la processione. Rispondi a Maria P.

  • Fiorella Salvatore ha scritto il 08 luglio 2020 alle 07:45 :

    E tutto questo, dopo che come ladri, portarono via l'icona, dopo il mese di maggio. Tutto perché, all'arrivo per il suddetto mese, vigili erano intenti a fare selfie, e sindaco solo a presenziare, piuttosto che a fare evitare assembramenti prevedibili. W NOI. Rispondi a Fiorella Salvatore

    Maria P. ha scritto il 08 luglio 2020 alle 09:41 :

    Non si è capito nulla di quello che volevi dire, probabilmente neppure tu lo hai capito. Quegli "assembramenti" dei quali tanto abbiamo discusso furono innocui perché è accertato che all'aria aperta il virus non attacca. Come le tue recriminazioni. Rispondi a Maria P.