I dettagli

Tre premi di laurea in memoria di Marco Pietralongo e Jacopo Di Bari, ecco come partecipare

C’è tempo fino al 5 ottobre prossimo per candidarsi al Premio istituito dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia

Attualità
Barletta martedì 11 settembre 2018
di La Redazione
Iacopo Di Bari e Marco Pietralongo
Iacopo Di Bari e Marco Pietralongo © n.c.

C’è tempo fino al 5 ottobre prossimo per candidarsi al Premio per Tesi di Laurea istituito dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia in memoria di due studenti universitari, Marco Pietralongo (24 anni, di Andria) e Jacopo Di Bari (22 anni, di Barletta), deceduti il 23 settembre 2016 in un incidente stradale mentre si recavano in una delle aziende agro-zootecniche che ospitavano il Festival della Ruralità.

Come anticipato nel settembre di un anno fa, nel corso di un evento pubblico tenutosi ad Andria in loro memoria, l’Ente Parco intende ricordarli premiando i giovani laureati che coltivano le loro stesse passioni: Marco e Jacopo, infatti, erano sensibili alle tematiche della tutela e della salvaguardia dell’ambiente e fortemente radicati nel territorio del Parco Nazionale, erano esemplari studenti dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari. Univano, inoltre, il profitto negli studi ad un’intensa passione per la fauna selvatica, una partecipazione attiva all’associazionismo (WWF di Andria, Croce Rossa Italiana di Barletta) e una grande passione per la fotografia ambientale.

«Piuttosto che ricordarli con una semplice targa – afferma il vice presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Cesare Troiaci è sembrato doveroso, oltre che più incisivo, istituire tre Premi per Tesi di Laurea in loro onore: visto il loro impegno nello studio, nel volontariato, il loro amore per l’ambiente e la natura, con il Consiglio Direttivo del Parco siamo convinti che in questo modo potremo contribuire a tener viva la loro memoria. È doveroso ringraziare, in particolare, la collega Natalia Sesi, funzionaria dell’ISPRA e componente il Direttivo che, insieme alla dott.ssa Luciana Zollo, collaboratrice dell’Ente, ha curato con dedizione e sentimento tutti gli aspetti burocratici legati all’iniziativa».

Lascia il tuo commento
commenti