Strade dissestate

Barletta, il manto stradale cittadino è in condizioni pessime

Tanti i disagi per la cittadinanza

Attualità
Barletta domenica 27 marzo 2022
di Sonia Tondolo
Dissesti delle strade
Dissesti delle strade © BarlettaLive

Barletta, la città della Disfida, di Pietro Mennea e delle strade dissestate. Quest’ultima una sì pungente ironia ma anche una triste verità.

Mettersi in marcia per le vie della città sembra essersi trasformato in una vera e propria corsa ad ostacoli: spostarsi da un lato all’altro di Barletta è solo una gincana durante la quale diventa fondamentale scansare i numerosi e ripetuti fossi che caratterizzano il manto stradale.

Che si tratti di zone periferiche o centrali poco importa: tutte le strade presentano dissesti, buche e ammaloramenti. A peggiorare una situazione già critica, le piogge delle scorse settimane.

«Non ne possiamo più -  ha esclamato una cittadina – è diventato pericoloso anche solo attraversare una strada: un fosso non visto può causare seri danni». Dello stesso avviso sono i fruitori della mobilità sostenibile: «In bici o in monopattino bisogna fare lo slalom tra fossi e avvallamenti».

Nonostante le costanti lamentele dell’intera cittadinanza, la soluzione del problema sembra essere ancora lontana. Cosa bisogna aspettare per far sì che le cose cambino? Se una (preannunciata) tragedia o le imminenti elezioni amministrative non è ancora dato saperlo…

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Ruggiero Ricco ha scritto il 16 aprile 2022 alle 20:33 :

    Il.manto di tutte le strade è pietoso Rispondi a Ruggiero Ricco

  • Giorgio ha scritto il 29 marzo 2022 alle 12:25 :

    Ma cosa state dicendo?!. Come si fa a lamentarsi del manto stradale... Mah Rispondi a Giorgio

  • Gino Seccia ha scritto il 29 marzo 2022 alle 06:09 :

    Cannito disse: dovete avere pazienza . Mbà. E sempre un fatto dite? Rispondi a Gino Seccia

  • avv. Carlo Romanelli ha scritto il 28 marzo 2022 alle 18:08 :

    Vergognosoooooo !!!!!! certe strade sono peggio di tratturi di campagna Rispondi a avv. Carlo Romanelli