Il 26 novembre

“Bullismo e violenza, stop all’indifferenza”: convegno al teatro "Curci"

Promosso dalla Prefettura di Barletta Andria Trani

Attualità
Barletta giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Bullismo e violenza, locandina
Bullismo e violenza, locandina © Prefettura BAT

“Bullismo e violenza, stop all’indifferenza”: questo il titolo del convegno promosso dalla Prefettura di Barletta Andria Trani, in collaborazione con il Comune di Barletta e l’Associazione “Divine del Sud”, in programma venerdì 26 novembre con inizio alle ore 10.00 al Teatro “Curci” di Barletta.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Testimoni di legalità attiva”, realizzato dalla Prefettura d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale e rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della provincia, che si propone di stimolare i giovani ed il mondo della scuola invitandoli a “gareggiare” producendo elaborati sui temi della legalità, della giustizia, della libertà e della cittadinanza attiva nelle sue molteplici espressioni.

Alla giornata di sensibilizzazione prenderanno parte, con i saluti istituzionali, il Commissario Straordinario del Comune di Barletta Francesco Alecci, il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani Bernardo Lodispoto, il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Giuseppe Silipo, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Sen. Assuntela Messina, il Presidente della Commissione Bicamerale per l’Infanzia e l’Adolescenza Sen. Licia Ronzulli ed il Prefetto di Barletta Andria Trani Maurizio Valiante.

Diverse le personalità che si alterneranno sul palco, a cominciare da Marco Valerio Cervellini della Polizia Postale, che arricchirà l’evento con un prezioso contributo video dedicato ad Andrea Spezzacatene, il 15enne di Roma vittima della rete. Sarà il giornalista e scrittore Luca Pagliari (autore tra le campagne più felici, e necessarie, degli ultimi anni, quella di #cuoriconnessi, progetto promosso da Polizia di Stato e Unieuro, diventato un libro ed un canale Youtube) a raccontare il percorso di Andrea Spezzacatene, e in generale le storie di ordinaria follia che accadono navigando sul web.

L’ex “Striscia La Notizia" Fabio De Nunzio racconterà la sua storia che, da bullizzato, lo ha spinto a fare di più per chi vive la sua stessa condizione di obeso preso in giro e deriso, diventando presidente nazionale dell’associazione “Bullismo, no grazie”.

Alla giornata di studio lontano dai banchi di scuola prenderà parte anche Stefano Callipo, presidente nazionale “Osservatorio violenza e suicidio”, volto noto dei più importanti programmi Rai. Racconterà di come “arrivano” certe parole alle orecchie, alla testa e al cuore di un ragazzo vittima di abusi e violenze, tanto da portarlo a pensare di togliersi la vita, dando spunti su come affrontare situazioni delicate e difficili ed incoraggiando alla buona pratica della diffusione di pensieri positivi.

Prevista inoltre una testimonianza esclusiva di un ragazzo vittima di bullismo e violenza di una città del Nord Barese, difeso dall’avvocato Agata Oliva, che racconterà assieme al suo legale la sua aggressione, sofferenza e mortificazione, ma anche il coraggio di denunciare e la voglia di riprendere una vita serena e senza paure.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Msrco ha scritto il 25 novembre 2021 alle 12:46 :

    Il bullismo ottima occasione per passerelle politiche autopromozionali. Rispondi a Msrco

    Franco ha scritto il 26 novembre 2021 alle 13:17 :

    Il bullismo lo vediamo ogni giorno per le strade ma stranamente in questi convegni fa' testo solo il bullismo gender. È propaganda? Rispondi a Franco