Ieri, anniversario dell'eccidio del 12 settembre 1943

Resistenza al nazismo, a Barletta cerimonia per commemorare le vittime

"L’invito ad amare e sostenere unanimemente la pace, bene insostituibile costato il sacrificio di tante vite umane. A loro dovremo sempre riconoscenza”

Attualità
Barletta lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Resistenza al nazismo, cerimonia 2021
Resistenza al nazismo, cerimonia 2021 © Comune di Barletta - Ufficio comunicazione

- “Omaggiare le vittime del settembre 1943 e tributare loro il giusto ricordo è un dovere civile che non dovrà mai affievolirsi nel tempo. Ricucire, anche per brevissimi istanti, il presente con il passato non dovrà mai rappresentare un mero esercizio celebrativo, bensì l’invito ad amare e sostenere unanimemente la pace, bene insostituibile costato il sacrificio di tante vite umane. A loro dovremo sempre riconoscenza”. Questa la riflessione del sindaco, Cosimo Cannito, nella ricorrenza del 78° anniversario del 12 settembre 1943, drammatica giornata che vide le truppe naziste in ritirata assassinare a Barletta, per rappresaglia, dieci vigili urbani e due netturbini. È per rileggere, idealmente, questa pagina di storia strettamente collegata alle testimonianze della resistenza in città che ieri, puntuali,  il Sindaco Cosimo Cannito, il Vice Prefetto  di Barletta Andria Trani Angelo Caccavone e la Senatrice  Assuntela Messina hanno deposto corone ai piedi del monumento che ricorda le vittime di tutti i conflitti e in prossimità del bassorilievo che ha perpetuato, invece, il sacrificio dei vigili e dei netturbini.

“Occorre conoscere la storia perché mai più essa debba ripetersi. L’attualità e il valore di questo messaggio non devono essere discussi, rappresentando in particolar modo un richiamo rivolto ai giovani che avranno la responsabilità di tutelare quel fondamentale patrimonio di civiltà chiamato democrazia”. 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti