Edilizia

Il Pug lo fanno i cittadini

Tutti i barlettani invitati al Forum plenario del 20 gennaio al Curci

Attualità
Barletta sabato 16 gennaio 2016
di La Redazione
Un incontro per il Pug
Un incontro per il Pug © n.c.

«Governare un territorio è sempre più difficile, ma intraprendere il percorso della partecipazione può consentire alle amministrazioni di definire politiche pubbliche di qualità. Infatti, la nascita dei processi partecipati rappresenta una delle più importanti innovazioni introdotte nell’azione amministrativa».

Esordisce così l'invito alla cittadinanza del Forum plenario dedicato al Pug, il piano urbanistico generale, convocato al Teatro Curci il 20 gennaio, dalle 16 alle 20.

Obiettivo dell'amministrazione Cascella è, infatti, avviare un processo di partecipazione della cittadinanza «che permetta di raccogliere idee, proposte, suggerimenti, finalizzati a realizzare una progettazione attenta alle percezioni ed esigenze dei cittadini».

Il forum, dall'eloquente titolo “Tutta mia la città", porterà alla definizione del documento programmatico preliminare del Pug con le sollecitazioni e suggerimenti che la città tutta vorrà dare per la costruzione di una mappa strategica di sviluppo del territorio.

Si illustrerà l’atto di indirizzo che la Giunta comunale ha approvato a luglio 2015 per una base di partenza con cui formulare la proposta di città e tutte le attività svolte sino ad oggi, in particolare l’avvio della mancante procedura di Valutazione ambientale strategica (Vas) e il programma partecipativo dedicato a raccogliere, attraverso un calendario di incontri tematici strutturati, le diverse forme e visioni che articoleranno la nuova città.

«Le numerose adesioni del mondo delle professioni, delle associazioni e di ampi strati della società civile, da sempre sensibili alle tematiche connesse al governo delterritorio, hanno indotto l’amministrazione comunale - spiegano i promotori - a riconsiderare la location individuata, sostituendo la sia pur ampia sede del Circolo Unione, con il Teatro Curci, più idoneo ad ospitare tutta la collettività».

Al forum hanno dato assenso alla partecipazione i principali protagonisti della scena culturale, tecnica, imprenditoriale, associativa e sociale del territorio vasto per il quale la città di Barletta aspira a rappresentare «l’avanguardia e la possibilità di essere riferimento di investimenti per l’area vasta coinvolgendo e valorizzando le energie esistenti».
 

Lascia il tuo commento
commenti