Sogni e altiforni, la presentazione del libro di Cristina De Vita

Trani
il 13 gennaio 2019 alle ore 20:00

Appassionata di Jules Verne, Leopardi e Alda Merini. Cristina è autrice di un libro ambientato a Trani

Indirizzo Infopointi turistico

Sogni e altiforni, la presentazione del libro di Cristina De Vita
Tranilive.it © Tranilive.it

A Natale si sa si fanno i regali, e si è sempre in cerca dell’idea più originale, in grado di tenere contenti tutti sia chi li fa ma anche e soprattutto chi li riceve; pensiamo che regalare un libro sia sempre una idea vincente, soprattutto poi se il libro in questione è ambientato in parte nella nostra Trani, stiamo parlando di Sogni e Altiforni, romanzo scritto a quattro mani da Gordiano Lupi uno scrittore toscano e Cristina de Vita, tarantina di nascita che ama e frequenta molto la nostra città, dove ha curato diverse iniziative culturali, come la presentazione del libro del fratello di Che Guevara, i libri di Rino Negrogno e Guglielmo Gianolio e di Luca Sinesi.

L’abbiamo incontrata per porle alcune domande.

Perché ha cominciato a scrivere?

Sono stata una avida lettrice fin da piccolissima, ho iniziato a scrivere verso i 10 anni, soprattutto poesie e dichiarazioni di intenti (la passione politica era già in embrione dentro di me) e avevo in mente di fare la giornalista, poi naturalmente i classici diari da ragazzina, non ho più smesso. Anche se non lo fa più quasi nessuno, agli sms e ai messaggini di Whatsapp preferisco scrivere le lettere ad imbucarle, credo nel potere terapeutico delle parole e del tempo che serve a raggiungere altre sensibilità, scrivere per fissare l’intensità e la poesia della vita stessa. Trani è una cittadina che amo molto, è viva e forte, era la cornice perfetta per dare alla luce questo libro, mi auguro che piaccia anche ai tranesi.

Se volessi descriverti attraverso libri o opere di altri artisti a chi penseresti?

Penso a tutti i libri di poesia che ho letto in questi anni, dai classici latini e greci, a Leopardi, ad Alda Merini, penso a Jules Verne, Il giro del mondo in 80 giorni e Viaggio al centro della Terra li rileggo ogni tanto ancora adesso e sono sempre dei tesori per me, penso a Frida Kahlo e alla sua grandezza e poi alla musica jazz, in particolare a Chet Baker, alla sua straordinaria capacità di sognare nonostante tutte le avversità che ha incontrato sul suo cammino.

Prossimi progetti?

Ho diverse cose nel cassetto: al momento un libricino di poesie e foto, una serie di racconti brevi e un progetto più ampio con altre autrici.

Il 13 gennaio 2019 ci sarà la presentazione ufficiale del libro a Trani.