Barletta Calcio 1922

Barletta 1922 in attesa di una svolta

Ennesima calda estate che si ritroverà ad affrontare il Barletta Calcio

Calcio
Barletta mercoledì 20 giugno 2018
di Ruggiero Rutigliano
Barletta 1922
Barletta 1922 © ASD Barletta Calcio 1922

Stadio, proprietà, mercato. Comunque vogliate disporli, saranno i minimi comuni denominatori dell’ennesima calda estate che si ritroverà ad affrontare il Barletta Calcio.

Raggiunta la sospirata salvezza in extremis nello spareggio con l’Unione Calcio Bisceglie, è lecito attendersi a questo punto, da parte di tifo ed addetti ai lavori, gli sviluppi della campagna sportiva biancorossa che verrà.

La spada di Damocle che pende sullo stadio “Cosimo Puttilli” oramai inesorabile da tre anni a questa parte influenzerà e non poco la stagione 2018/19 della compagine di via Vittorio Veneto, gli ultimi aggiornamenti di pochi giorni fa, in attesa dell’apertura delle buste prevista per la fine del mese prossimo ed avviare le procedure di demolizione delle vecchie gradinate, proiettano difatti la consegna dello stadio non prima del nuovo anno, ragion per cui è lecito aspettarsi l’ennesima annata di “sacrificio” presso un impianto che non potrà certamente far felice il tifo organizzato, che si aspetta una svolta in merito al pari della proprietà nel più breve lasso temporale possibile.

A proposito di proprietà, al momento resta al timone la triade Dimiccoli – Dileo – Pollidori che ha comunque ben figurato nella prima annata assoluta al comando del sodalizio. L’auspicio è quello di poter estendere, qualora possibile, la partnership a nuovi ingressi che possano in maniera tangibile contribuire al bene della gloria biancorossa, le prossime settimane potrebbero portare fresche novità in tal senso.

Prossime settimane che vedranno entrare nel vivo inevitabilmente anche il mercato: obiettivo primario confermare i pezzi da novanta per reparto (Ola, Milella, Saani su tutti) in modo da poter ottemperare ad una solida base da cui poter ripartire, in attesa di puntellare con i dovuti innesti.

Lascia il tuo commento
commenti