Barletta Calcio

Barletta 1922, occhi sullo stadio "Puttilli"

È partita difatti la gara d'appalto per la demolizione e rimozione delle gradinate

Calcio
Barletta giovedì 14 giugno 2018
di Ruggiero Rutigliano
Stadio Puttilli
Stadio Puttilli © nc

Calato il sipario sulla stagione agonistica che ha visto i biancorossi conquistare la salvezza sul campo, seppur dovendo passare dallo spareggio con l'Unione Calcio Bisceglie, l'attenzione si sposta inevitabilmente sullo stato dei lavori dell'impianto cittadino, quel "Cosimo Puttilli" che da tre anni a questa parte non sembra trovar luce.
Avviati ufficialmente nell'ormai lontano luglio 2015 ed accompagnati da una serie di rallentamenti e peripezie, negli ultimi giorni sono giunti segnali incoraggianti dal fronte.
È partita difatti la gara d'appalto per la demolizione e rimozione delle gradinate, 21 le ditte ammesse che dovranno far pervenire entro le 13:00 del prossimo 24 luglio la propria offerta per potersi aggiudicare la direzione lavori ed avere, si spera, un quadro più chiaro sulle tempistiche definitive di consegna dell'impianto, attualmente stimate per l'inizio del prossimo campionato ma verosimilmente destinate ad un nuovo slittamento.
Il motivo? Conti alla mano l'apertura delle buste a fine luglio e l'imminente mese vacanziero di agosto non giocano a favore del club biancorosso che a settembre vedrà partire ufficialmente la nuova stagione.
Realisticamente dunque ci si potrebbe affidare nuovamente all'impianto del "Manzi-Chiapulin" perlomeno sino al nuovo anno, quando vedrà gli albori il progetto di agibilità venendo poi avallato da addetti ai lavori ed ispettori alla sicurezza.
Difficile, dunque, ipotizzare tempistiche certe ma tra la fine della stagione che verrà e l'inizio dell'annata 2019/20 Barletta dovrebbe finalmente poter riabbracciare quello stadio che manca ormai da tanto, troppo tempo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele Rinella ha scritto il 14 giugno 2018 alle 18:16 :

    Ancora una volta i tifosi del Barletta calcio e la società verranno gabbati tra apertura delle buste e inizio smantellamento vecchie strutture. Adesso misureremo il polso alla nuova amministrazione rosso-nera tendente a un misto indecifrabile di colori. Vediamo se si è passati da una amministrazione di invertebrati a una amministrazione che tiene ai colori biancorossi dileggiati in ben 4 anni. Vogliamo il Puttilli con poche chiacchiere da sala da barba! Rispondi a Michele Rinella