Appuntamento il 14 e 15 ottobre con gli Apprendisti Ciceroni

“Lo scenario svelato”, il Teatro Curci e i suoi segreti: un itinerario con la Delegazione Fai Bat

Il visitatore sarà osservatore invisibile della vita segreta del teatro nei momenti che preparano e precedono la rappresentazione, addentrandosi tra le quinte, i camerini e tutti gli ambienti solitamente non aperti al pubblico

Barletta mercoledì 11 ottobre 2017
di La Redazione
Teatro Curci
Teatro Curci © ProLoco

“Io credo che ogni uomo abbia due patrie; una è la sua personale, più vicina, e l’altra è l’Italia”, ha detto Henryk Sienkiewicz, Premio Nobel per la letteratura nel 1905, identificando un diffuso senso di appartenenza universale: il nostro è il Paese di tutti. Inglesi, tedeschi, francesi, americani (e non solo loro) visitano l’Italia e la fanno propria, chi venendo a conoscerla, chi una volta conosciuta decidendo di stabilirvisi o di comprarsi una casa. Perché se tutto il mondo è Paese, come si dice, alla fine tutti i Paesi sono l’Italia.

Ma i veri “proprietari” di questo straordinario Paese siamo noi e non dobbiamo dimenticarcelo. Per questo il FAI – Fondo Ambiente Italiano chiama a raccolta tutti gli italiani che hanno questa consapevolezza che significa soprattutto una cosa: l’Italia ci appartiene, noi tutti possiamo fare qualcosa per renderla migliore. E possiamo farlo insieme. A ottobre torna “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, la campagna nazionale di raccolta fondi del Fondo Ambiente Italiano, che punta ad allargare la grande famiglia della Fondazione.

Durante la campagna, il FAI scende in piazza per la Giornata FAI d’Autunno che si terrà sabato 14 e domenica 15 ottobre. Un nuovo appuntamento per rinnovare lo sguardo sull’Italia per “riconoscere” le nostre città attraverso percorsi originali e scoprire luoghi del sapere, delle attività artigianali, della musica. 170 itinerari tematici in altrettante città legheranno, come un fil rouge da seguire liberamente, l’apertura di palazzi, chiese, botteghe artigiane, archivi, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi.

Per sostenere la Fondazione, in Giornata FAI d’Autunno, all’ingresso di ogni luogo verrà richiesto un contributo facoltativo e chi si iscriverà per la prima volta al FAI avrà diritto a una quota agevolata, 29 euro invece di 39.

Un motivo in più per prendere parte alle iniziative proposte dalla delegazione di Andria Barletta Trani che, in linea con gli orientamenti nazionali del FAI, che suggeriscono percorsi che focalizzino l'attenzione dei visitatori sulla musica, propone un itinerario dal titolo:

“Lo scenario svelato”, il Teatro Curci e i suoi segreti

Affascinante il luogo proposto: il teatro Curci di Barletta, che rappresenta per le forme eleganti e le proporzioni equilibrate ispirate al teatro San Carlo di Napoli, uno dei più riusciti esempi di architettura neoclassica pugliese. L’edificio originario, del 1819, era intitolato a San Ferdinando. Fu rilevato nel 1866 dall'Amministrazione Comunale che provvide all'ampliamento, alla progettazione e al restauro della struttura dandone incarico all'architetto Federico Santacroce e dedicando il teatro al musicista barlettano Giuseppe Curci.

Questo luogo così legato alla nostra vita culturale e sociale verrà animato dall’entusiasmo dei giovani “Apprendisti Ciceroni” della Scuola Media “De Nittis” di Barletta.
Così il visitatore sarà osservatore invisibile della vita segreta del teatro nei momenti che preparano e precedono la rappresentazione, addentrandosi tra le quinte, i camerini e tutti gli ambienti solitamente non aperti al pubblico. Avrà così l'occasione unica ed irripetibile di vivere il teatro “dal di dentro”, facendo un'esperienza straordinaria ed indimenticabile.

ORARIO
Sabato14 e domenica 15 ottobre 2017 9.30 /12.30 e 17.00 /20.00

INFORMAZIONI 328 6515303 347 5304450

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette