Da Palazzo di Città

Vigilanza su immobili e parchi comunali, bando per la gara d'appalto

Il bando, già pubblicato sul sito del Comune, prevede l’apertura delle buste delle offerte in seduta pubblica il 18 aprile

Politica
Barletta mercoledì 14 marzo 2018
di La Redazione
Comune di Barletta
Comune di Barletta © Barlettalive.it

Sarà effettuata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapportoqualità-prezzo, la gara per il servizio di vigilanza degli immobili, delle strutture e dei parchi del Comune di Barletta per il triennio 2018-2020. Particolare attenzione nel bando è stata riservata al potenziamento della infrastruttura tecnologica esistente e alla relativa implementazione e manutenzione ordinaria e straordinaria sull’intero patrimonio immobiliare sottoposto a vigilanza. Si sblocca, così, una gara particolarmente complessa soggetta a reiterate proroghe, puntando sull’innovazione tecnologica degli impianti e dell’intera struttura telematica oltre che sulla migliore organizzazione ed efficienza del servizio sulla base dei nuovi criteri indicati dalla legge sugli appalti.

Il bando, già pubblicato sul sito del Comune, prevede l’apertura delle buste delle offerte in seduta pubblica il 18 aprile.

Stante la scadenza del contratto di servizio con l’operatore uscente la determinazione dirigenziale del 31 gennaio scorso del Servizio di Gestione del Demanio e del Patrimonio ha disposto il nuovo capitolato di gara valevole per il triennio 2018-2020 insieme alla proroga tecnica per la prosecuzione dello stesso servizio sino al 30 giugno 2018, in connessione alla conclusione della procedura di aggiudicazione tenendo conto della necessità di garantire efficienza della spesa e efficacia dell’azione amministrativa per la salvaguardia di un patrimonio immobiliare comunale che annovera nel proprio elenco molti immobili storici contenenti beni artistici e culturali di altissimo valore.

L’appalto è costituito da un unico lotto poiché il servizio è caratterizzato dall’uniformità tecnico-operativa della prestazione richiesta alle imprese concorrenti, tale da non rendere possibile l’individuazione di alcuna convenienza economica da una suddivisione in lotti. Le attività oggetto della gara sono riconducibili ad una prestazione unitaria, indivisibile e complementare, seppure articolata in diverse prestazioni specifiche: 1) vigilanza fissa; 2) vigilanza con collegamento a sistemi di allarme e vigilanza con collegamento a sistemi di videosorveglianza. Intervento su allarmi, 3) servizio di vigilanza saltuaria in zona, 4) punzonatura, 5) consegna chiavi; 6) potenziamento dell’infrastruttura tecnologica esistente e relativa implementazione, manutenzione ordinaria e straordinaria, a valere sull’intero patrimonio immobiliare sottoposto a vigilanza (quest’ultima prestazione arriva fino al 30% dell’importo triennale a base di gara). I costi della manodopera sono stati calcolati con riferimento al costo del personale inserito nella clausola sociale indicata nel Capitolato Speciale d’Appalto.

L’affidamento dei servizi di vigilanza degli immobili comunali della Città di Barletta sarà effettuato a favore del concorrente la cui offerta risulterà più vantaggiosa sotto il profilo del merito tecnico-organizzativo, della qualità del servizio e delle sue modalità di gestione, e del prezzoofferto in sede di gara. L’aggiudicazione sarà effettuata a favore del soggetto che riporterà complessivamente il punteggio più alto su 100 punti attribuibili, di cui massimo 80 punti per l’ offerta tecnico-qualitativa e massimo 20 punti per l’offerta economica. L’aspetto innovativo del servizio posto a gara è rappresentato dal potenziamento e innovazione tecnologica degli impianti e dell'infrastruttura telematica, con collegamento in teleallarme e in telesorveglianza degli immobili sottoposti a vigilanza (linee telefoniche supplementari, telecamere di sorveglianza, sistemi di aeromobile a pilotaggio remoto, sistemi antintrusione, linee telefoniche supplementari, risponditori automatici, tempi di risposta, registrazione delle comunicazioni, comunque, tutte finalizzate al miglioramento delle prestazioni specificate nel Capitolato Speciale di Appalto), prevedendo una specifica premialità per le relative proposte migliorative.

Lascia il tuo commento
commenti