Il caso

Capodanno a metà, festa sospesa in un locale per rispettare l'orario delle emissioni sonore

Forza Italia Giovani denuncia: "In casi eccezionali come appunto il Capodanno, l’intelligenza, la capacità politica e le chiare opportunità di sviluppo turistico dovrebbero prevedere deroghe"

Politica
Barletta lunedì 01 gennaio 2018
di La Redazione
festa Capodanno
festa Capodanno © nc

Capodanno con spiacevole sorpresa per gli ospiti di una festa organizzata in un noto locale della litoranea cittadina, sospesa dopo meno di due ore dall'inizio della serata per rispettare l'ordinanza comunale che vieta le emissioni sonore oltre un certo orario; nessuna deroga è prevista per date eccezionali come appunto i veglioni di Capodanno. A denunciare l'accaduto è Tonio Di Cuonzo, coordinatore Forza Italia Giovani.

"Inizio anno con il botto per il Comune di Barletta, Re delle ordinanze non rispettate...quando conviene (vedasi ordinanza botti). La scorsa notte, infatti, dopo aver fatto ingresso molta gente circa un' ora e mezza dopo la mezzanotte presso un noto locale della litoranea dove da tempo era stata organizzata una serata evento (lontano da abitazioni e con musica all’interno) per i festeggiamenti del primo dell’anno, ecco che, circa un paio d’ore dopo l’inizio della stessa, fischi ed insulti venivano indirizzati al povero Dj reo soltanto, in quel momento, di aver messo fine di colpo alla serata e quindi alla musica.

Motivazione? All’esterno del locale le Forze dell’ordine intimavano di mettere fine alle emissioni sonore. Sacrosanto, ovvio, i militari stavano svolgendo il loro dovere. Ma da giovane (oltre che amante della politica cittadina), essendo presente, mi sono chiesto: “ma perché fischiano il dj? Perché urlano vergogna?”. Bene ha fatto lo stesso dj a discolparsi ed additare chi si rende artefice di certe scelte ed ordinanze. A quei ragazzi, ai miei coetanei, che ieri sera hanno fischiato dico: vergogna urlatelo a chi da anni viene premiato amministrando ma non fa altro che affossare questa città ed allontanare turismo e quanto ne segue. Vergogna urlatelo ai vostri coetanei quando durante le elezioni affermano “sono tutti uguali” vendendosi e vendendo così la loro dignità ed un loro sacrosanto diritto: il voto. Perché, se è pur vero (e sono pienamente d’accordo) che i cittadini hanno diritto a poter riposare non disturbati dalle emissioni sonore oltre certi orari, è altrettanto vero che, in casi eccezionali come appunto il capodanno ed in determinate situazioni logistiche (lontane da abitazioni e con musica all’interno), l’intelligenza, la capacità politica e le chiare opportunità di sviluppo turistico (c’era anche gente da fuori Barletta) ed economico delle attività dovrebbe portare la stessa Amministrazione a derogare per l’occasione ai pressanti limiti imposti nell’interesse, appunto, collettivo in una prospettiva di crescita anche, come detto, economica. Badate bene, quindi,quando il prossimo Maggio andrete nuovamente alle urne perché, non sono tutti uguali e ricordate tutti di quando avete urlato vergogna perché avete visto ledere interessi legittimi questa come in altre sicuramente più importanti occasioni. Barletta merita di più sotto tutti i punti di vista. Barletta sta morendo lentamente, si dia una svolta tenendo ben presente che chi decide le sorti sono in primis gli elettori a mezzo della preferenza espressa".


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria Vaccariello ha scritto il 01 gennaio 2018 alle 15:57 :

    Vista l'ordinanza non è venuto in mente a nessuno di far partire poco prima del termine di legge la musica Im cuffia così da poter proseguire senza nessun sonoro udito dall'esterno? Rispondi a Maria Vaccariello

    Claudia Dibenedetto ha scritto il 02 gennaio 2018 alle 12:54 :

    Ma sta suggerendo un silent party per oltre 1500 persone? In quel caso, in effetti, sarebbe un'idea facile da realizzare... 😏 Rispondi a Claudia Dibenedetto