Il fatto di cronaca

Piantagione di marijuana ad Ariscianne, sequestro e due arresti

Una maxi operazione che è stata divulgata questa mattina durante un'azione dei poliziotti di Barletta

Cronaca
Barletta mercoledì 08 agosto 2018
di La Redazione
Marijuana sequestrata
Marijuana sequestrata © nc

La Polizia di Stato del Commissariato di Barletta ha scoperto una grossa coltivazione di marijuana in zona Ariscianne, precisamente in contrada Paludi. Una maxi operazione che è stata divulgata questa mattina durante un'azione dei poliziotti di Barletta, giunti sul posto per estirpare le piante.

Ecco la cronologia delle operazioni: dopo un primo sopralluogo, i poliziotti hanno trovato una piantagione molto estesa di cannabis indiana. Tra i canneti infatti era nascosto un campo di marijuana, dotato di sistema di irrigazione collegato ad un motore che pescava acqua da un pozzo artesiano situato a ridosso dello stesso campo, e anche di un elaborato sistema di fototrappole dotate di GPS, in modo da segnalare attraverso un allarme la presenza di persone nelle vicinanze.

Notando che il sistema di irrigazione era in funzione gli agenti hanno deciso di effettuare un appostamento nel campo durato ben tre giorni, al termine del quale hanno visto sopraggiungere sul posto tre autovetture: una Opel Corsa con a bordo il barlettano G. S., una Lancia Libra SW con a bordo C. P. - anche lui di Barletta - e una terza autovettura, una Audi A3, con a bordo una terza persona, successivamente identificata per G.G. figlio di G.S. Poco dopo essere giunti nel campo i tre hanno iniziato ad estirpare alcune piante di marijuana che hanno accatastato a terra in prossimità delle loro autovetture. A questo punto, i poliziotti hanno raggiunto i tre uomini, che però alla vista degli agenti hanno tentato la fuga. G. G. e C. P. sono stati bloccati con non poca difficoltà, data la fervida resistenza al fermo opposta, che ha visto i poliziotti impegnarsi in due colluttazioni, nelle quali sono rimasti contusi con ferite guaribili in sette giorni, mentre G. G., attivamente ricercato, è riuscito a far perdere le proprie tracce, lasciando sul posto la propria auto Audi A3 con all'interno un marsupio contenente un portafoglio in cui i poliziotti hanno trovato la sua carta di identità.

Le tre autovetture sono state sequestrate e affidate in giudiziale custodia, mentre la marijuana sequestrata, quella estirpata dai tre indagati, consistente in 18 rami dell'altezza di circa 1 metro cadauno, è stata sottoposta a narco-test del tipo Douqueinos per la ricerca dei derivati della canapa indiana, sortendo esito positivo.

Infine il campo è stato sotto posto a sequestro penale e gli arrestati sono stati accompagnati nel carcere di Trani.

Lascia il tuo commento
commenti