Il caso

Servizio di emergenza 118 della Bat, la Cgil: «A rischio 52 posti di lavoro»

Il sindacato ha convocato una assemblea pubblica del personale appartenente alle associazioni che operano sul territorio

Cronaca
Barletta giovedì 12 ottobre 2017
di La Redazione
Una ambulanza del 118
Una ambulanza del 118 © n.c.

La CGIL Funzione Pubblica della Bat comunica di aver indetto un Assemblea pubblica del personale appartenente alle associazioni che hanno in gestione il Servizio Emergenza Urgenza 118 dell'Asl Bt, per il 19 ottobre 2017, dalle 10 alle 12 presso la sede legale dell'Azienda Sanitaria Locale provinciale Bat in via Fornaci ad Andria.

Tale decisione «scaturisce dalla disattesa richiesta sindacale inviata alla Direzione Generale dell'ASL BT (Ottavio Narracci) anche a firma del personale e per conoscenza al Presidente e Assessore alla Sanità Regionale (Michele Emiliano) oltre che al Direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia (Giancarlo Ruscitti) circa la richiesta di eliminare dal bando di gara allegato alla deliberazione n. 1631/2017 di affidamento del Servizio Emergenza Urgenza 118 ASL BT l'ipotesi in cui l'Associazione decida di partecipare con solo personale volontario».

Seppur prevista al contrario nel bando appena pubblicato, l'Ipotesi «che l'Associazione si avvalga, nell'espletamento del servizio, di personale che presti la propria opera non a titolo volontario e gratuito ma bensì a titolo di dipendenza, la stessa dovrà applicare la clausola sociale di salvaguardia contrattuale prevista dal CCNL, restiamo preoccupati qualora si opti con solo personale volontario delle sorti dei 52 lavoratori che resterebbero senza reddito con disagio alle famiglie e contestualmente alla garanzia e continuità del servizio reso».

«Si fa appello -prosegue la nota a firma di Luigi Marzano, segretario generale Funzione Pubblica C.g.i.l. Barletta Andria Trani - agli organismi regionali in quanto tale ipotesi prevista da Delibere di Giunta Regionale n. 1479 e 1788/2011 contrasta la Legge Regionale n. 25/2007 art. 25 "superiore nella gerarchia delle fonti rispetto alla Delibera di Giunta Regionale che la dovrebbe osservare" come sostituito dall'art. 30 della L.R. n. 4/2010 che prevede esplicitamente l'applicazione della Clausola sociale di salvaguardia dei livelli occupazionali e rispetto delle condizioni di miglior favore contrattuale per il personale assunto in precedenza nei casi di cambio gestione appalti.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette