Barletta - mercoledì 11 gennaio 2017 Cronaca

Non priva di intoppi la ripresa delle lezioni

Riaprono le scuole ma il riscaldamento non c'è: disagi per gli studenti

Disservizi vengono segnalati in alcuni istituti

termosifoni spenti a scuola © Facebook
di La Redazione

L'incubo degli studenti, che ieri hanno invaso i social di post a volte simpatici, a volte decisamente fuori luogo e offensivi, si è materializzato questa mattina: al rientro dalla lunga pausa festiva natalizia, prolungata a causa delle nevicate degli ultimi giorni, alcuni hanno trovato le aule gelide.

Disservizi vengono segnalati alla nostra redazione dai genitori di studenti del Polivalente "Nervi-Fermi", ma anche dalla scuola media "Baldacchini" e dal plesso "Principe di Napoli". Nonostante, quindi, le rassicurazioni dell'Amministrazione, i cui tecnici nella giornata di ieri hanno provveduto alla verifica del corretto funzionamento degli impianti di riscaldamento, garantendo ambienti riscaldati e confortevoli per i ragazzi, all'effettiva apertura delle scuole qualcosa non è andato per il verso giusto.

L'Amministrazione conferma che "qualche intoppo c'è stato, ma prontamente risolto in mattinata dai tecnici". Nello specifico, pare che, per esempio, presso la scuola "Baldacchini" siano riusciti a riavviare il riscaldamento solo poco fa, alle ore 10.

Non erano dunque infondate le preoccupazioni di tanti studenti espresse ieri in rete. Sicuramente da condannare il tono utilizzato da alcuni per protestare, offensivo ad personam come capitato all'assessore Marcello Lanotte, "reo"  di aver confermato per primo la notizia della ripresa delle lezioni e per questo travolto da una valanga di insulti sul suo profilo Facebook, ma il problema delle condizioni di precaria vivibilità all'interno degli istituti evidentemente è reale. 

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo