La novità

Arriva il permesso di costruire del Comune per il raddoppio della tratta Andria-Corato

Le operazioni dovrebbero avere inizio entro un anno e terminare entro tre anni dalla data di inizio dei lavori, fatte salve le proroghe previste per legge

Attualità
Barletta martedì 17 aprile 2018
di La Redazione
stazione Andria Sud
stazione Andria Sud © n.c.

Licenziati gli atti amministrativi del Comune di Andria per il raddoppio della tratta Corato-Andria della linea ferroviaria Bari-Barletta fino alla nuova stazione di Andria sud, compresa la sua elettrificazione: con il permesso di costruire n.19 del 16 aprile 2018, infatti, a firma del dirigente del servizio Sportello Unico Edilizia, ing. Felice Piscitelli, e del Funzionario Tecnico responsabile del procedimento, ing. Giuseppe Lopetuso, dovrebbero partire le operazioni sulla linea, con la specifica che esse debbano avere inizio necessariamente entro un anno e debbano terminare entro 3 anni dalla data di inizio dei lavori, fatte salve le proroghe previste per legge.

Oltre al raddoppio, sono state previste altre opere: la realizzazione di un sovrappasso ferroviario sulla strada denominata "vicinale Sant'Angelo" per la soppressione del passaggio a livello al km 53+186,12; la realizzazione di strade complanari per la soppressione dei passaggi a livello al km 52+005,52, al km 52+606,64 e al 54+718,91; infine l'adeguamento delle opere d'arte esistenti (ponti, tombini, muri) nel tratto di raddoppio della sede ferroviaria.

La lunga trafila burocratica ha finalmente trovato il suo compimento: risale al 2013, infatti, il rilascio della prima autorizzazione da parte della Giunta regionale (il parere paesaggistico e gli atti conseguenti), e da allora si sono succeduti altri documenti di vari Enti, fino ad arrivare all'ultimo, il permesso di costruire da parte del Comune di Andria, ieri: il brusco stop con conseguenti ritardi è stato legato alla tragedia che ha sconvolto le nostre città lo scorso 12 luglio, data a partire dalla quale la tratta Andria-Corato è chiusa.

Nel frattempo, il Comune di Corato sta valutando in commissione urbanistica gli atti sulla proposta di realizzazione della bretella di collegamento tra via Trani e via Giappone a seguito della chiusura del passaggio a livello, dopo le polemiche tra la stessa Amministrazione, Ferrotramviaria e Regione Puglia. Infine, i lavori sul tratto intermedio dovranno essere approvati dal Comune di Trani, nel cui territorio ricade una piccola porzione del tracciato della linea ferroviaria.

Lascia il tuo commento
commenti