La replica

Gioco d'azzardo, l'associazione Sapar contesta i dati dell'inchiesta Gedi

«Fornire agli utenti il dato delle giocate senza considerare il rapporto con le vincite porta a conclusioni erronee col semplice scopo di demonizzare un settore che annovera migliaia di lavoratori onesti»

Attualità
Barletta sabato 23 dicembre 2017
di La Redazione
Una slot machine
Una slot machine © n.c.

Risale alla scorsa settimana l'inchiesta di quotidiani locali Gedi e Visual Lab in collaborazione con Dataninja, che - citando dati Aams (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) - ha calcolato l'ammontare della spesa relativa al gioco d'azzardo in ogni Comune d'Italia.

Molto alte le cifre emerse un po' dappertutto, inclusa Barletta.

I numeri forniti da Gedi vengono però contestati dall'associazione nazionale Sapar che raccoglie gli operatori delle strutture da gioco.

«Secondo i dati ufficiali forniti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la reale spesa in Puglia nell’anno 2016 per tutti i giochi terrestri, e quindi non solo Videolottery ed Awp, ma anche Lotto, Superenalotto, Gratta e Vinci e Scommesse, è pari ad 1.089.000.000 euro (valore dato dalla differenza tra il totale giocato di 4.398.000.000 euro e il totale vinto di 3.309.000.000 euro). Dividendo tale importo per la popolazione pugliese e per i giorni dell’anno, si ottiene una spesa pro-capite giornaliera di 73 centesimi di euro» scrive in una nota il presidente della delegazione regionale Sapar, Domenico Distante.

«I dati pubblicati sul portale “L’Italia delle slot” del Gruppo GEDI sono errati e si basano su un fondamentale equivoco. Fornire agli utenti il dato delle giocate senza considerare il rapporto con le vincite porta a conclusioni erronee col semplice scopo di demonizzare un settore che annovera migliaia di lavoratori onesti. Per legge - ricorda Sapar - le vincite sono per le Videolottery intorno all’88% e per le Awp garantite almeno al 70% rispetto alle giocate. Non è difficile dunque desumere che la somma pro-capite realmente spesa dal singolo utente è la differenza tra il giocato e le vincite mentre i dati pubblicati in questi giorni tengono conto solo delle somme spese e quindi frutto di una manipolazione mirata.

Quali possono essere le ragioni che inducono a una scorretta informazione? A chi serve identificare il gioco legale come ludopatia? Perché snocciolare statistiche su utenti di Videolottery e Awp in cura ai Sert? Utenti che rappresentano una percentuale ridotta rispetto ad altre patologie da dipendenza come tabagismo e alcolismo. Cresce il sospetto che qualcuno voglia accaparrarsi i fondi destinati dal Ministero della Salute per il contrasto al gioco patologico. Al contempo limitare l'offerta di gioco legale si traduce inevitabilmente nel proliferare di apparecchi illegali! Temiamo purtroppo che l'ombra delle mafie voglia allungarsi sul gioco legale».

Lascia il tuo commento
commenti