L'iniziativa

"Yes pet, No petardi": campagna di sensibilizzazione sui danni dei botti a persone e animali

Lanciata dall'avv. Massimiliano Vaccariello, in rappresentanza della Sezione di Barletta dell'E.N.P.A. e del MOVIMENTO ANIMALISTA BAT, nell'ambito di un accordo di partenariato con la Scuola Media "Baldacchini-Manzoni"

Attualità
Barletta mercoledì 20 dicembre 2017
di La Redazione
Yes pet, No petardi locandina
Yes pet, No petardi locandina © nc

Botti a Capodanno? No, grazie. "Yes Pet, No Petardi" è la campagna di sensibilizzazione lanciata dall'avv. Massimiliano Vaccariello, in rappresentanza della Sezione di Barletta dell'E.N.P.A. e del MOVIMENTO ANIMALISTA BAT, nell'ambito di un accordo di partenariato con la Scuola Media di Primo Grado "Baldacchini-Manzoni".

Il progetto ha la finalità di sensibilizzare i cittadini sul tema dei botti e di informarli su quanto siano dannosi per gli animali, oltre che per le persone. L'iniziativa si compone di:

- Incontri e confronti con alcuni studenti del predetto istituto

- Raccolta delle riflessioni spontanee degli stessi studenti

- Richiesta formale al Sindaco di Barletta di rinnovare i divieti di vendita ed utilizzo di botti e di intensificare i relativi controlli e le sanzioni a carico dei trasgressori

- Elaborati degli studenti e una locandina.

Di seguito la richiesta inviata al sindaco Cascella:

"Richiesta di emissione di provvedimenti finalizzati alla prevenzione dei danni derivanti dai botti

Caro Sindaco,
Le scrivo facendo seguito ad alcuni incontri ed iniziative promossi dall'E.N.P.A., Sezione di Barletta, e dal Movimento Animalista BAT, che qui rappresento, per rivolgerLe le richieste di tanti studenti che ho ascoltato e con i quali ho avuto modo di confrontarmi, oltre che di tanti altri che condividono gli stessi pensieri.
In particolare, al sottoscritto, alle associazioni che rappresento e soprattutto agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado di Barletta “Baldacchini-Manzoni”, che ho avuto il piacere di ascoltare in questi giorni, sta a cuore la salute degli animali, randagi e non, del nostro territorio; pertanto, vorremmo che, nei prossimi giorni e con l'arrivo delle prossime festività fossero, non solo riproposti i divieti di vendita ed utilizzo di botti, petardi e fuochi pirotecnici, ma anche intensificati i controlli finalizzati a sanzionare i trasgressori di tali divieti.
Il 16.12.2017, con molto piacere e soddisfazione e grazie soprattutto alla Dirigente Prof.ssa Capuano e dalla Prof.ssa Lanfranchi, ho avuto modo di dialogare con alcuni a ragazzi del predetto istituito; da tale incontro è emerso che a tutti gli studenti, nonché al sottoscritto, cosi come a tanti nostri concittadini, farebbe piacere fruire con serenità dei parchi e dei giardini e passeggiare senza timore per vie, strade e piazze, durate le prossime festività natalizie.
I botti sono un'inutile forma di divertimento che comporta pericoli per l'incolumità di persone ed animali; inoltre, per gli animali, che li subiscono sempre passivamente, i danni sono maggiori perché consistono non solo in conseguenze immediate (investimenti a seguito di fughe provocate dallo spavento per le esplosioni), ma anche in conseguenze che permangono dopo le festività, come ad esempio il disorientamento e lo stress derivante dai violenti stimoli uditivi ed olfattivi.
Per le ragioni esposte, Le chiedo, assieme a ragazzi e a tutti i cittadini sensibili al tema, di emettere i provvedimenti più opportuni e diretti, sia a vietare l'utilizzo di botti e petardi in tutto il centro abitato, nelle ville, nei parchi, nei giardini comunali, che a prevenire la violazione dei divieti che vorrà predisporre, sanzionare duramente i trasgressori e dare massima diffusione e notizia di tali divieti ai cittadini.
Proteggiamo i nostri animali ed insegnano ai nostri ragazzi a rispettare e a far rispettare la vita e tutti gli esseri viventi.
Poiché, assieme all'istituto, si è deciso di non privare gli studenti della possibilità di esprimere direttamente le loro riflessioni e richieste, allego alla presente alcuni degli elaborati dei ragazzi; preciso che i predetti elaborati vengono allegati cosi come sono stati prodotti dagli studenti, cioè in modo estemporaneo, spontaneo e ancora privi di correzioni.
Certo di un Suo pronto riscontro, Le porgo i miei più cari saluti, oltre che delle associazioni e di tutti i ragazzi di cui sopra".


Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette