Ancora ombre sull'amministrazione

Assegnazione delle rievocazioni della disfida pilotate: indagati il Sindaco e diversi assessori

Al centro delle indagini della Procura di Trani le manifestazioni della disfida 2015. Il fascicolo aperto dopo l'esposto del Movimento 5 stelle

Cronaca
Barletta venerdì 04 marzo 2016
di La redazione
Disfida
Disfida di Barletta © n.c.

Sarà ricordato come un venerdì nero questo 4 marzo per Barletta e la sua amministrazione. Nella stessa giornata in cui è stato posto sotto sequestro l’orto botanico con accuse di frode all’indirizzo di dipendenti comunali, arriva notizia di un’altra inchiesta da parte della Procura di Trani nella quale gli iscritti al registro degli indagati sono addirittura il Sindaco e alcuni assessori della Giunta: l’accusa è quella di abuso d’ufficio relativamente agli atti legati alla manifestazione della disfida di Barletta 2015.

Il fascicolo è stato aperto dal pm Luigi Scimè a seguito di un esposto presentato dal Movimento 5 stelle a firma dell’onorevole Giuseppe D’Ambrosio e della consigliera Regionale Grazia Di Bari, nel quale si denunciava l’illegittimità della procedura attraverso la quale furono affidate le rievocazioni storiche della disfida. Quel che veniva sottolineato dai firmatari dell’esposto è che l’amministrazione comunale avrebbe dovuto provvedere all’emanazione di un bando pubblico per l’assegnazione, cosa che avrebbe garantito a tutti gli interessati di presentare dei progetti, a garanzia di trasparenza e parità.

Come molti ricorderanno, invece, i criteri di assegnazione delle rievocazioni furono immediatamente al centro di numerose polemiche, con lo stesso Movimento 5 stelle che accusava la Giunta di aver creato le condizioni utili a far risultare vincenti i soggetti alla quale le manifestazioni furono assegnate.

Si chiude dunque la settimana con la città di Barletta sotto l’ombra di nubi molto dense, sia per le inevitabili conseguenze politiche che ricadranno su un’amministrazione che ha già numeri risicatissimi, che per la percezione dei cittadini che vedono affiorare indagini su un po’ troppi affari pubblici.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette